martedì 29 novembre 2016

OCCORRE UN BICAMERALISMO PARITARIO. VOTARE NO

Contro tutte le menzogne dei sostenitori del sì che continuano con la cantilena della necessità di abbreviare i tempi nell'approvazione di una legge facendo praticamente fuori il Senato ridotto ad un ectoplasma perché privato del potere di sfiduciare il governo bisogna osservare che è meglio conservare l'attuale Senato con la facoltà di sfiduciare il governo soprattutto se al Senato non risultasse la stessa maggioranza della Camera. Solo così una legge avrebbe l'approvazione sia della maggioranza della Camera sia della diversa maggioranza del Senato. Vi sarebbe la migliore presenza di contrappesi. Una legge in tal modo avrebbe l'approvazione di due diverse maggioranze, che si identificherebbe con la quasi unanimità dell'elettorato evitando i colpi di testa di una identica maggioranza alla Camera e al Senato. Con la schiforma della Costituzione si arriverebbe al peggio del peggio. Alla  dittatura della maggioranza della sola Camera. Per di più ottenuta con una legge elettorale (italicum) che darebbe la maggioranza assoluta del 55% al partito che risultasse primo pur essendo un partito di minoranza. E i disonesti del sì hanno il vomitevole coraggio di chiamare democrazia questo sistema. Il mio odio contro questi disonesti sostenitori del sì a favore della governabilità ad ogni costo, pur contro il principio della rappresentatività della volontà della maggioranza dell'elettorato, non ha confini. In questa situazione ci troviamo a causa di molti di quelli che ora si dichiarano per il NO. E' stato infatti il centro destra del NO (Berlusconi, Alleanza nazionale, Lega nord) a volere il porcellum (dichiarato anticostituzionale) che ha permesso la formazione di questa falsa maggioranza piena di transfughi traditori che ha avuto la pretesa di cambiare la Costituzione. Può un chirurgo operare se stesso? Assurdo. E tuttavia si è giunti a questa situazione. Che un parlamento illegittimo pretenda di cambiare la Costituzione. Ma se ne rende conto la gentaccia che voterà sì? Ho paura di tutti quegli ignoranti che non si rendono conto che con il sì si va verso la dittatura di una minoranza. Ho paura degli ignoranti che non sanno che purtroppo gli insipienti costituenti del 1946 non hanno introdotto nell'art. 138 il quorum del 50% più uno come invece nell'art. 75 che prevede il referendum abrogativo, con la conseguenza che il referendum per l'abolizione di una legge ordinaria richiede che si presenti al voto la maggioranza degli aventi diritto al voto mentre questa presenza non è necessaria per la modifica della Costituzione. Basta che vadano a votare tre gatti e due votino sì perché il referendum sia valido. ASSURDO.  Perché questo assurdo non diventi realtà bisogna votare NO. E poi andare a nuove elezioni con il proporzionale (senza il bisogno di votare una nuova legge elettorale dopo la sentenza della Corte Costituzionale nel 2014) e procedere alla riforma dei soli artt. 67, 75 e 138, come spiegato in altro articolo, e come qui riassumo. Introdurre il vincolo di mandato nell'art. 67 perché non venga più tradito il voto dell'elettore e non si formino più maggioranze false in parlamento, come quella attuale su cui poggia questo sgoverno e su cui si è preteso di stravolgere la Costituzione. Introdurre il referendum propositivo nell'art. 75 senza passare per il parlamento. Introdurre nell'art. 138 il quorum della maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto come previsto nell'art. 75 per il referendum abrogativo. L'Italia si libererebbe per sempre di un ridicolo despota aspirante dittatore facendolo scomparire per sempre dalla scena politica con la sua morte purtroppo solo politica  con la vittoria del NO. Uno che continua a cercare di comprarsi il voto con le mance elettorali. Ultima la mancia che va da 30 a 50 euro per i pensionati che abbiano meno di mille euro al mese. CHE SCHIFO! Dovrebbe essere incriminato per voto di scambio.Nulla ha fatto per migliorare il settore  del lavoro, peggiorato con il jobs act, che ha introdotto il licenziamento abolendo la giusta causa, ha peggiorato la scuola con "la buona scuola", ha peggiorato la giustizia con la diminuzione del numero dei giudici non sostituendo coloro che vanno in pensione, con il conseguente sfacelo della giustizia sopratttutto civile. Per ridurre gli stipendi dei parlamentari, dei consiglieri regionali e dei sindaci bastava una legge ordinaria senza che fosse necessario scomodare la Costituzione stravolgendola. Liberiamoci del BOMBA, una vera sciagura nazionale, facendogli scoppiare sotto il culo la bomba del NO.               

6 commenti:

Anonimo ha detto...

ipo non riesco a capire come persone laureate in giurisprudenza, voteranno si per partito preso, credendo che renzelma sia uno de sinistra, mentre è un demoNIOcristiano. o fatto caso da qwualche tempo ormai che il primo comma di un articolo della costituzione che sempre meglio di raquaquaquara questi codesti e quelli è, esprime un diritto del "popolo" e l'ultimo comma lo annulla. Una 4kulation
inaudita. Ma forse i taliani se lo meritano. Je piace er tran$ atlantico!
Monia

Pietro Melis ha detto...

Prego scrivere correttamente.

Anonimo ha detto...

Sono terrorizzato che possa vincere il si. L'appello del redivivo Berlusconi a votare NO, temo possa sortire l'effetto contrario (e forse lo sa pure lui...).

RIC ha detto...

non comprendo come si possa negare che renzi e banda non siano di sinistra.
Questa e' la vera sinistra.Autoritaria , sprezzante delle necessita' del popolo pronta a stabilire quali siano i bisogni e le necessita' dei sudditi , amante dei poteri forti e della finanza internazionale.Forse certa gente identifica la sinistra con le promesse dei bertinotti e casarini di turno , adatte solo a cercare consenso fino alla soluzione finale. Ma e' possibile che lenin e seguaci non abbiano insegnato nulla ?

saluti prof.

Anonimo ha detto...

professore,
sul suo blog appaiono pubblicità di famigliole felici e stereotipate che votano si ! negri integrati e felici in una meravigliosa società multirazziale che votano si...donne emancipate che votano si...devo continuare ? penso che basti. questo rende l'idea dei soldi che sta investendo renzi...ha una paura fottuta che vinca il no !
saluti,
marco

Pietro Melis ha detto...

Caro Marco, avevo già detto a Google circa un mese fa di non far apparire la pubblicità per il sì nel mio blog. Bastava cliccare sulla pubblicità per richiedere ed avere da Google la garanzia che da quel momento la lurida e disonesta pubblicità non apparisse più nel mio blog. Dunque la notizia mi sorprende. Evidentemente questo demonio che ci sgoverna è più potente di Google.