martedì 23 maggio 2017

LA CRISTIANA MAY VUOLE REINTRODURRE LA CRUDELE CACCIA ALLA VOLPE.






VEDETE L’IMMAGINE SORRIDENTE DI QUESTA SIGNORA?


È la May, Primo Ministro britannico e figlia di un vicario,considerata una donna compassionevole (almeno dalla destra conservatrice). La May ci ha appena spiegato che è una sostenitrice della caccia alla volpe e che se gli inglesi la voteranno e le daranno il potere a grande maggioranza darà libertà di voto ai tories nel parlamento per restituire all’Inghilterra la barbarie dei cani che dilaniano a morsi lepri, volpi, cervi.

Essendo una devota cristiana la cosa non meraviglia.
Se i conservatori vinceranno - e sicuramente lo faranno essendo nei sondaggi 20 punti oltre il laburisti - e i deputati eletti saranno sostenitori del Brexit allora rivedremo l’orrore.
Per fermarlo c’è un solo mezzo: il tactical vote. Per esempio:  se A è debole in un’area rinuncia a presentarsi favorendo B per sconfiggere C. E viceversa.
I verdi, che non sono l’ectoplasma nostrano, hanno proposto questa soluzione ai laburisti e ai liberali i quali hanno risposto che non va bene. 
Corbyn, che vive tra gli gnomi, gli elfi e le fatine rosse, crede di poter vincere le elezioni - considerando i catastrofici sondaggi, la cosa è molto improbabile - ma del tactical vote non ne vuole sapere e neanche i liberali attestati nei sondaggi al 10% perché sperano di raccogliere i voti degli elettori pro Europa, i “remainer”. Altra idea improbabile. Cupio dissolvi? Si direbbe. 
Molto dipende dal sistema elettorale inglese dove il numero dei voti ottenuto conta poco.

Per esempio l’UKIP che ha il 13% ha un solo deputato in parlamento mentre il partito scozzese, SNP, con il 5% ne ha 56: una cosa bizzarra.
Ma gli inglesi non vogliono cambiare. 
Nella terra di Albione si può governare con il 42% dei voti, come fece la Thatcher nel 1983 o con il 43% dei voti come fece Tony Blair nel 1997.
La speranza è che la base non segua la leadership e che scelga il tactical vote evitando una catastrofe.
Se non andrà così e la signora sorridente avrà la sua schiacciante vittoria allora rivedremo la barbarie.
Ma perché lo fa la May?
Lo fa per due ragioni: perché considera questa barbarie una tradizione (sic) e perché la sua campagna è finanziata dai tof, dai megamanager e dall’1% ai quali deve restituire i brandelli di carne dilaniata e sanguinolenta promessi a cui aspirano con selvaggia passione.
Sorride la figlia del vicario. Ci ha appena informato che ha due consiglieri: Dio e il marito e che ha una profonda fede. Se Dio è il consigliere allora le avrà suggerito che il dilaniare animali con i morsi dei cani è una cosa giusta e saggia. Povero Dio! Le imbecillità che gli mettono in bocca.
Dai tagliagole islamici ai cristiani come May una cornucopia di odiose cretinate.
E’ un processo senza fine. Vergognoso e squallido!

Animalisti … se avete in passato esultato per Brexit siete serviti!