sabato 3 febbraio 2018

PAMELA: UN ATROCE CRIMINE DI STATO A CAUSA DI QUESTO SGOVERNO

Pamela è stata ritrovata in due valigie abbandonate , il corpo completamente smembrato, senza il cuore e il fegato, probabilmente violentata prima che il suo aguzzino, Innocent Oghusule, la vivisezionasse per chissà quale rito vudu. L’esistenza di una ragazza diciottenne italiana, la cui vita era già tormentata di suo, per la quale i giornali e le femministe d’accatto non gridano all’emergenza femminicidio perché l’omicida è un africano (non sia mai che si dia fiato alla bieca propaganda fascista!), si è conclusa così, vittima di un miserabile subanimale che non avrebbe dovuto essere in Italia, che dal nostro Paese avrebbe dovuto essere cacciato via a sacrosanti calci nel culo già prima dell'efferato crimine perché era già conosciuto per essere un criminale ed un avanzo di galera, ma che sicuramente avrà trovato qualche onlus complice, che conosce qualche avvocato d'ufficio complice, pagato con le nostre tasse che coi nostri soldi gli avrà preparato un atto di difesa.
È un crimine di Stato quello di Pamela. Peggio: è un crimine che ha precisi mandanti morali e politici: Matteo Renzi, Paolo Gentiloni, Laura Boldrini, Emma Bonino, Pietro Grasso, la sinistra al caviale, quella radical chic e quella dei centri sociali che aggrediscono gli avversari politici per urinare sopra i loro cartelloni, passando da Bergoglio, il comunista con la papalina che predica l’invasione e la sottomissione allo straniero come un dovere cristiano, per finire con tutti gli italiani, una buona fetta se non la maggioranza, che sono pieni di bei sentimenti e di belle intenzioni, ma sempre fino a che il campo di zingari non è vicino casa loro o la ragazza seviziata e poi fatta a pezzi non è la loro figlia, perché altrimenti diventano dei carcerieri e dei giustizialisti della peggiore specie. Tutti concordi, tutti schifosamente complici nell’importare, nell’assoluta indifferenza di un’Europa alla meglio assente e alla peggio complice, centinaia di migliaia di sbandati sociali, relitti subanimali e sottosviluppati che nella stragrande maggioranza dei casi non fuggono da alcuna carestia e da alcuna guerra ma che rischiano la pelle nelle loro nazioni di nascita dove hanno già commesso un numero incredibile di reati e vengono qui, a fare il bello e il cattivo tempo, consapevoli del buonismo che proviene dalla confusione nefanda tra morale e diritto, del politicamente corretto della falsa sinistra, della spina dorsale molle che permette loro di fare pressoché tutto quello che vogliono nella più assoluta impunità.
Questo sgoverno con la stampa di regime può metterla come vuole, continuare a fustigarci moralmente con la storiella dello schiavismo e della cattiva colonizzazione dell’uomo bianco, ma la realtà è una sola, chiara e lampante: hanno permesso l’ingresso sul suolo nazionale ed europeo di una massa di criminali e di sottosviluppati provenienti da un continente, l’Africa, ampiamente inferiore per civiltà, per cultura e per stile di vita, dove i diritti umani sono inesistenti, le donne subiscono quotidianamente violenze (a partire dalla più tenera età con l’infibulazione), dove infuriano guerre, carestie e massacri di proporzioni inimmaginabili, dove l’odio tra le tribù e la lotta mortale per la supremazia etnica e razziale sono all’ordine del giorno, e si fanno i riti vudu con gli organi del nemico per assorbirne la forza e la vita. Questa è l’Africa, e questi sono gli africani. Vi stupite se portano odio, morte, violenza, tutte cose che vedono fin dal primo giorno in cui nascono?

10 commenti:

gattadanzante ha detto...

Sto ascoltando ora il tgcom24: l'inviata a Macerata,- che è una PICCOLA città,- racconta che più che di italiani è stracolma di immigrati del Niger, Ghana e Camerun.
E io chiedo:
Italiani ce ne sono, nelle città ITALIANE? Perché da come tira il vento, a breve vi sarà una sostituzione etnica, checché ne dicano quei COGLIONI dei buonisti.
Basta andare in giro e rendersi conto, nei negozi, per strada, ovunque.
Noi accogliamo questa gente mettendo la testa sul ceppo per farcela tagliare meglio dalle loro armi da trogloditi sottosviluppati.
Gente con bassi istinti che ancora non ha sviluppato la razionalità, con un cervello primordiale.
Mi chiedo , se venisse eseguita una TAC cerebrale su questa gente, quale sarebbe il risultato.
Non mi si dica che ragionano come noi.
E' evidente che non hanno sviluppato l'emisfero preposto al raziocinio.
Subito dopo,la suddetta TAC bisognerebbe eseguirla anche sui buonisti pro- accoglienza, perché sicuramente qualcosa di strano emergerebbe anche da quelle parti.
Insomma si prepara un bel futuro, dove dovremo difenderci come se fossimo nella savana o nella giungla.
E non dicano, i buonisti, che si tratta di casi isolati, perché nei paesi nordici è da un pezzo che le donne bianche devono guardarsi le spalle non tanto dai loro connazionali, quanto da quelli di importazione.

Cecilia

Giancarlo MATTA ha detto...

complimenti ! perchè Lei non scrive quello che ha scritto qui anche sui siti delle "femministe-progressiste-cattocomuniste?
e poi, date le circostanze, Lei chi voterà alle prossime elezioni politiche ?
Inoltre, Le spiace SOTTOSCRIVERE i suoi commenti ?
con poca speranza di replica... . Giancarlo Matta

gattadanzante ha detto...

Si spieghi meglio, Giancarlo Matta.

Cecilia

Admin ha detto...

10, 100, 1000 Luca Traini!!!

gattadanzante ha detto...

Avevo inviato ieri un commento rivolto a Giancarlo Matta, ove gli chiedevo di
spiegarsi meglio....e poi che c'entrano le femministe cattocomuniste o meno con me?
Per dirla come il Marchese del Grillo, io so' io, e le altre donne la pensino un po' come gli pare.

Cecilia

Giancarlo MATTA ha detto...

Se ha "inviato un commento rivolto a me" e non Le è stato pubblicato, delle due l'una:
. non è stato correttamente da Lei lanciato sulla rete
. è stato lanciato e ricevuto ma il Titolare del Sito non lo ha ritenuto meritevole di pubblicazione
premesso tanto, rilegga ciò che Le ho scritto e tenti di rispondermi.
E insisto: SOTTOSCRIVA con NOME et COGNOME i Suoi pregevoli commenti. Di cosa ha paura?
E di nuovo: con poca speranza di replica. Giancarlo Matta

Pietro Melis ha detto...

Caro Giancarlo
Ho sempre pubblicato i commenti di Cecilia, che, come anche nel suo caso, conosco anche telefonicamente. Perciò non capisco.

gattadanzante ha detto...

@Giancarlo Matta
Io non capisco la sua polemica.
Il Professore , come ha scritto qui, mi conosce ANCHE telefonicamente, da qualche annetto, non da due mesi.
E se egli giudica di mettere i miei commenti anche senza l'estensione al cognome, essendo appunto egli il titolare del sito, perché vuole lei impormelo?

Cecilia

gattadanzante ha detto...

AVVISO PER IL PROFESSOR MELIS:

Professore, le fornisco la mia nuova mail, perché la vecchia me l'hanno, in gergo internettiano, "craccata"(ovvero, un tizio, è entrato nel mio account postale, cambiandomi la mia password, e ha inviato migliaia di mail che risultano mandate da me, ma non ero io, pertanto mi sono dotata di una nuova mail col dominio Gmail.)

la mia mail nuova è: verdejanua@gmail.com
Ovviamente tale mail deve rimanere tra me e Lei.
Grazie.

Cecilia

Pietro Melis ha detto...

Cara Cecilia ho ricevuto da lei quanto segue:


Professore, le fornisco la mia nuova mail, perché la vecchia me l'hanno, in gergo internettiano, "craccata"(ovvero, un tizio, è entrato nel mio account postale, cambiandomi la mia password, e ha inviato migliaia di mail che risultano mandate da me, ma non ero io, pertanto mi sono dotata di una nuova mail. Ovviamente tale mail deve rimanere tra me e Lei.

Io: Naturalmente non ho pubblicato la nuova mail. Grazie.