mercoledì 17 luglio 2019

RUSSIAGATE: UNA TEMPESTA DI FALSITA' IN UN BICCHIER D'ACQUA

E' risultato (anche se poi se ne è fatto nulla) che la fornitura di petrolio all'Italia sarebbe stata fatta con uno sconto del 4%, e questo sconto sarebbe valso 65 milioni di dollari per la Lega e in parte a favore di funzionari russi. Orbene, ci vuole un folle accanimento giudiziario sul nulla per trovare in ciò un reato di corruzione. L'Italia avrebbe avuto del petrolio ad un prezzo scontato proprio grazie ai 65 milioni che avrebbe avuto la Lega. O lo Stato italiano avrebbe preferito  pagare di più il petrolio? La Lega avrebbe potuto apparire come mediatore (e i mediatori, come è noto, hanno diritto ad una percentuale sull'affare trattato, come, per eempio le agenzie d'affari, in cui possono essere le agenzie immobiliari). Se poi alcuni funzionari russi ne hanno trattato anch'essi dei guadagni si arriverebbe all'assurdo che il governo italiano si dovrebbe occupare di tangenti riscosse da funzionari pubblici russi, cioè della corruzione di funzionari pubblici, ammesso che si tratti di funzionari pubblici e non di rappresentanti di società petrolifere private. E si sa che la russa Gazsprom è stata privatizzata nel 1992 da Yeltsin. Trattandosi di compagnia privata la Lega non avrebbe trattato con funzionari pubblici russi. Ma anche se in tale trattativa fossero stati coinvolti funzonari pubblici russi, scusate, che cosa doveva importargliene all'Italia di un eventuale pagamento di tangenti a funzionari pubblici russi da parte della privata compagnia privata Gazsprom? Dunque, ripeto, dove sta l'accusa di corruzione alla Lega se l'asserita corruzione sarebbe andata a beneficio dell'economia italiana che avrebbe risparmiato nell'acquisto di petrolio russo? ASSURDO. Sono i bavosi sinistronzi possono sollevare una tempesta un un bicchier d'acqua nel non accorgersi di stare accusando la Lega di avere tentato di far pagare meno il petrolio russo. Incredibile ma vero. 

Gazprom - Wikipedia  

CORTE COSTITUZIONALE DI PARRUCONI SCELLERATI SULL'ORSO M49

Ha detto che è legitimo che il Trentino possa decidere di uccidere l'orso. In base a che cosa? Dove sta scritto che la decisione di un ministro dell'ambiente (che vuole la salvezza dell'orso) possa essere superata da un presidente della provincia. Si sa che putroppo (nel silenzio della Costituzione) le Regioni possono legiferare in merito ai periodi della caccia. E questo è inconcepibile. Meglio sarebbe che un referendum abrogativo la cancellasse. Certo è che siamo mal messi se anche questi super pagati della Corte Costituzionale si esprimono sulla decisione di vita o di morte di un orso. Questa Costituzione è tutta da rifare in molti punti. Ad incominciare dall'art. 75 che esclude il referendum propositivo (che dorme sonni  tranquilli nel programma dei 5 Stalle). Con un referendum propositivo senza quorum la caccia sarebbe abolita. Gli assenti hanno torto. La Costituzione dovrebbe stabilire il limite delle competenze di una Ragione per evitare gravi divergenze tra leggi  nazionali e leggi regionali, che servono spesso a favorire interessi locali e predatori in una parcellizzazione del territorio nazionale.      

martedì 16 luglio 2019

L' EROE ORSO M49: LE TESTE DI CAZZO FAN SEMPRE DEL CHIASSO

Cambiando una parola nel verso del Giusti (Il re travicello).Prima l'hanno fatto venire dalla Slovenia, e poi l'hanno chiuso in un recinto con un reticolato alto 4 metri su cui passa la corrente a 7000 volt. Vi è da domandarsi chi siano quelle teste di cazzo che già lo volevano morto perché fulminato dalla corrente. E' mai possibile che sia stata aggiunta una corrente a 7000 volt? Come sia riuscito nonostane ciò a fuggire è un mistero che sa di atto di eroismo. Basterebbe questa eroica fuga verso la libertà per rendere inviolabile la vita di questo eroe. E' accusato  di avere ucciso delle pecore. E perché? Forse quelle pecore non verranno uccise poi dai pastori? I quali possono sempre essere risarciti come prevede la legge. Gli uomini possono uccidere le pecore ma un orso affamato no. Teste di cazzo. Come il presidente della provincia di Trento Fugatti che lo vuole morto. Pur contro la volontà del ministro dell'ambiente Costa. Comanda di più un volgare presidente della provincia o un ministro? A parte il fatto che l'orso non è solo carnivoro.  Ma perché non gli si è dato da mangiare in libertà visto che gli orsi non attaccano mai gli uomini?     
L'orso èprevalentemente vegetariano e perciò non è per sua natura un predatore comei felini. Per di più quando raramente è carnivoro si accontenta di carcasse di animali.
11 ore fa - Caricato da legio ursa
Earthquake Live Stream - 24/7 Seismic Activity -- Global unrest + Deep EQ event taking place dutchsinse 728

Alimentazione / Biologia habitat e distribuzione / L'orso / Homepage ...




L'orso bruno è un animale onnivoro opportunista, la sua tendenza alimentare è prevalentemente vegetariana... Nel grafico la dieta dell'orso bruno in Trentino (Vm%)


Di cosa si nutre l'orso grizzly? - Sapere.it




L'orso grizzly è un animale onnivoro, dunque, può mangiare di tutto. Al 90% è erbivoro e la sua dieta è costituita da bacche, radici, frutta e altri vegetali.


Orso M49, Fugatti mostra il recinto scavalcato. "Avevamo ragione noi a ...

La provincia di Trento non osi abbattere l'orso M49 | WWF Italy


https://www.wwf.it/regioni/?48421/Solo-strumentalizzazione-sulla-fuga...M49

13 ore fa - La vicenda di M49, l'orso più ricercato del Trentino, ha dell'incredibile. Catturato ieri sera in Val Rendena, poi trasferito nell'area faunistica del ...

M49, l'ex ministra Brambilla: ''Imperizia e dilettantismo: daremo ...

Valutazione: 4,2 - ‎330 voti
1 ora fa - Politica. M49, l'ex ministra Brambilla: ''Imperizia e dilettantismo: daremo battaglia a Fugatti''. Un senatore 5 stelle denuncia il presidente della Pat e la vicenda fa il giro d'Italia ... Brambilla: "Corri e salvati M49 e grazie per aver dimostrato con la tua fuga, una volta di più, l'imperizia e il dilettantismo di chi ha ...

lunedì 15 luglio 2019

CALOMNIEZ, CALOMNIEZ, IL EN RESTERA TOUJOURS QUELQUE CHOSE

L'unica cosa che sa fare l'asserita sinistra pur di incolpare Salvini. Provo schifo per tutti gli antitaliani che ancora danno seguito a questa falsa sinistra. Non condivido affatto il testo qui sotto riportato. Spesso la calunnia si ritorce contro il calunniatore quando si scopre che si tratta di calunnia. Il nostro codice penale (art. 368) prevede una galera da due a sei anni per i calunniatori. E i caporioni del PD dovrebbero stare in galera. La calunnia riguardante il rapporto della Lega con la Russia si risolverà in un aumento di voti per Salvini.    

Calunniate, calunniate, ne resterà sempre qualcosa!






Testo di Rupert Dn




Io credo che i leghisti sottovalutino il caso dei finanziamenti illeciti. Penso sia come il caso Watergate o come il caso bunga bunga. Infatti non è davvero necessario che esistano prove. È sufficiente soffiare sul fuoco per tenere viva l'attenzione e l'indignazione dell'opinione pubblica. Tenere sulla graticola per mesi e anni anche se la Lega fosse innocente. Secondo me finirà con la Lega drasticamente ridimensionata. Non esiste alcun modo perché la Lega ne esca vittoriosa. Ne uscirà sconfitta perché non è importante la sua innocenza o colpevolezza, perché è a tutto vantaggio dell'opposizione tenere aperto il caso per sempre, così come un lupo che azzanna la preda e non molla la presa. Salvini ne uscirà sconfitto o indebolito, come lo fu Berlusconi che dal 2010, quando si aprì il caso bunga bunga ed era ormai alla mercé delle opposizioni, acconsentì su tutto (guerra in Libia), fino alla sua caduta. Del resto, la strategia di smarcarsi da Savoini prendendone le distanze, mi pare assomigli proprio a quella perdente di Nixon.

domenica 14 luglio 2019

IL PD CANCRO DELL'ITALIA.

Lo zingaro del PD (Zingaretti) è con la bava alla bocca nel suo urlare da forsennato che occorre una rivoluzione. Mentitore e pagliaccio. E' il partito più conservatore che vi sia. Che cosa vuole cambiare? Tutto ciò che appare di nuovo è stato copiato di sana pianta dal programma della Lega (tassa piatta modulata secondo diverse aliquote) e da 5 Stelle (riduzione del cuneo fiscale e salaro minimo). Vedi

Costituente delle idee

in cui si trova il titolo

Come si crea lavoro con tutele e diritti per tutti?

Aria fritta per gli allocchi. Se così non fosse in che cosa consisterebbe la differenza tra Lega e 5Stelle? 

Il PD ha come unico programma la ripresa del potere. Ma con chi? Non parla di alleanze. Dovrebbe fare un'alleanza con 5 Stelle, e sarebbe la fine di tutti e due. Il PD è dato al 22% ed io mi domando come ancora in Italia vi possa essere  circa un quarto di italiani (considerando gli affini della falsa sinistra) che ancora vada dietro a questi cialtroni antitaliani seguaci delle ONG, dei porti aperti, dell'ius soli, della schiavitù europeista e, insomma, di tutto ciò che è contrario agli interessi di una sovranità italiana che è stata persa a favore della dittatura dell'UE. Un PD che difende una pirata quale è la famigerata tedesca Carola che si permette di violare la legge italiana andando volontariamente ad urtare contro una nave della Guardia di finanza. Azione piratesca. Un PD che non protesta contro gli insulti all'Italia provenienti dalla Germania e dalla Francia in occasione dell'azione di forza di una "sbrufoncella" tedesca ponendosi sotto i piedi la dignità nazionale pur di apparire servi dell'UE a trazione franco-germanica. Un PD di disperati che non sanno come fare per ripredersi il governo e identificano la loro disperazione con la rivoluzione, che consiste nel rincorrere il programma congiunto di Lega e 5 Stelle. Non fidarsi mai di quelli che copiano per opportunismo. Meglio preferire l'originale. Il PD continua a conservare un silenzio suicida sull'invasione dall'Africa, da dove proprio il Pd ha fatto venire circa 600.000 invasori con i governi scellerati di Letta (con il suo pazzesco mare nostrum), di Renzi (che va richiedere lo sforamento del 3% in cambio dell'accoglienza degli invasori dall'Africa) e di Gentiloni sino a quando nell'ultimo anno è diventato ministro dell''interno  Minniti, che ha cercato di arginare l'invasione delle ONG e  che è sparito dalla politica emarginato dal PD di Zingaretti. Perdura il silenzio sulla questione dell'immigrazione (invasione) che è il principale motivo per cui il PD è stato ridotto al 22% alle elezioni europee. Ma rimane sordo su questa questione, continuando a tradire la classe operaia a favore dello sfruttamento della mano d'opera straniera a basso costo. E per questo continuerà ad essere un perdente presso i lavoratori.  
E con l'invasione dall'Africa è aumentata la presenza della peste islamica in Italia e l'aumento della criminalità, come se non bastasse quella italiana con le sue varie mafie. Un PD diventato più papista di questa disgrazia di papa che sta distruggendo la Chiesa facendosi cavallo di Troia dell'invasione degli islamici, chiamati pazzescamente da lui "nostri fratelli".       
Ora quelli del PD hanno trovato una scusa per demonizzare Salvini accusando la Lega di avere ricevuto soldi dalla Russia pur senza averne le prove. Ma ho già scritto che, anche se ciò fosse vero, il reato non esisterebbe non trattandosi di danaro pubblico. Ogni partito, in quanto associazione privata, ha il diritto di ricevere soldi da chi cazzo vuole (come il P.C.I. li prendeva dall'Unione sovietica). Anche se la Lega avesse incassato soldi dalla Russia (ma non è provato) DOVE STAREBBE IL REATO se in cambio l'Italia avrebbe acquistato petrolio a prezzo di favore? Qui non si tratta di reato ma di una accusa puramente politica perché l'Italia avrebbe superato le sanzioni economiche contro la Russia imposte dalla sciagurata UE per avere la Russia occupato la Crimea, non tenendo conto che la Crimea era stata sempre russa anche quando Kuscev la incluse nella Ucraina solo perché allora l'Ucraina faceva parte dell'Unione Sovietica, sparita la quale era giusto che la Crimea tornasse alla Russia. Dunque l'accusa a Salvini è nata solo dall'avere riconosciuto l'appartenenza della Crimea alla Russia e non avere sostenuto le pretese dell'Ucraina ponendosi, contro il diktat dell'UE, dalla parte della Russia. Paradossalmente una scelta politica, su cui la magistratura non può mettere il becco, è stata trasformata dagli sciacalli della falsa sinistra in un reato di corruzione su cui chiede trasparenza. Un vantaggio economico per l'Italia trasformato in reato. INCREDIBILE. Solo una falsa sinistra poteva inventarsi tale reato pur di andare conro Salvini. Ma Salvini non lo può dire perché è costretto a limitarsi a dire che la Lega non ha mai ricevuto soldi dalla Russia per non apparire antieuropeista. Giacché altrimenti vi sarebbe il ricatto politico di tutti coloro che, anche fuori del PD, per ignoranza,  preferiscono stare dentro la schiavitù dell'UE per timore di un futuro sconosciuto. Non capendo che sotto ogni aspetto è meglio mandare affanculo l'UE per riprendersi la sovranità anche monetaria essendo preferibile una alleanza con la Russia, contro la quale, a danno anche dell'Italia, i dittatori dell'UE hanno voluto imporre sanzioni economiche. Un'uscita dell'Italia dall'UE sarebbe la fine dell'UE e con essa la fine del predominio tedesco. Con l'uscita della Gran Bretagna dall'UE questa incomincerà a diventare un'anatra zoppa perché la Gran Bretagna si alleerà economicamente con gli Stati Uniti, interessati a vedere la fine dell'UE.            
Ho già spiegato in altro articolo come un'uscita dall'UE e dall'euro (cosa richiesta dagli economisti leghisti Claudio Borghi e Alberto Bagnai) sarebbe un grosso vantaggio per l'Italia costitituendo una nuova lira (pesante) equivalente  all'attuale euro (il cui valore fu arbitrariamente stabilito a tavolino nel 1999 in lire 1936,27). Mi si spieghi (come da sempre vado domandando) come mai la Gran Bretagna, la piccola Danimarca, la Svezia, l'Ungheria, la Polonia, la Repubblica ceca abbiano preferio tenersi la moneta nazionale. Mi si spieghi come mai l'Ungheria e la Polonia  senza euro abbiano un PIL che viaggia sul 4% mentre la stessa Germania si è ridotta ad un misero 0,50% e l'Itaia ad uno 0,1 %. E come mai la piccola Svizzera, non facente parte del'UE, sta benissimo con il suo franco?   
La nuova lira subirebbe una NATURALE svalutazione rispetto all'attuale artificiale euro (svalutazione calcolabile nella misura di circa il 20%) con grande vantaggio per le esportazioni  che metterebbero in ginocchio l'economia degli Stati dell'UE a cominciare dalla Germania, essendo l'Italia la seconda industria manifatturiera d'Europa. L'euro è una moneta straniera basata sul valore che aveva il marco nel 1999. Anno in cui il marco valeva 990 lire. E sulla base di tale valore fu ricavato il valore dell'euro italiano in lire 1936,27. Abbiamo dunque una moneta che è meglio  chiamare euro-marco.


Nel mercato interno con una nuova lira nulla cambierebbe perché non aumenterebbero i costi dei prodotti italiani essendo le imprese italiane costrette ad adeguare i costi di vendita alla minore capacità d'acquisto della nuova lira rispetto all'attuale euro. Tutta l'economia italiana si risolleverebbe a causa di una maggiore produzione a minor costo rispetto all'euro-marco con conseguente aumento dell'occupazione e, per chiudere il circolo virtuoso, con l'aumento dell'introito da parte dello Stato per allargamento della base imponibile ai fini del fisco per aumento del numero dei contribuenti. Che potrebbe giustificare una minore tassazione. Di tutto ciò non vi è presenza nel PD, partito euroschiavo. Con una nuova lira, cioè con un minor costo della produzione rispetto ad altri Stati dell'UE, finirebbe la chiusura di molte imprese con la loro delocalizzazione in Stati come l'Ungheria e la Polonia, che in questo modo hanno aumentato il loro PIL.  
E per finire nella sua farsesca "Costituente delle idee" non si trova alcun accenno ad una necessaria riforma della giustizia, per cui rinvio ad altri miei articoli. Qui mi limito a ripetere che bisogna introdurre la responsabilità PERSONALE dei giudici quando facciano sentenze palesemente aberranti perché contenenti vizi logici inescusabili. Non escluso il licenziamento perché se uno è sragionante lo rimane per sempre. Occorre  un tribunale formato da giuristi e non da giudici che giudichino i giudici che abbiano fatto sentenze aberranti, senza dover ricorrere ad un tribunale straniero quale è quello di Strasburgo. I panni sporchi si lavano in casa. Ma si sa che la magistratura in Italia è politicizzata, divisa in varie correnti (che non dovrebbero esistere) essendo quasi tutta appannaggio della (falsa) sinistra.               

Quegli antipatici dei francesi!

 

 

 

sabato 13 luglio 2019

SAREBBE GIUSTA UNA TAGLIA PER SAPERE MORTI QUESTI DUE CRIMINALI

L'articolo non dice quale Stato africano abbia dato il permesso a questi due criminali di uccidere animali come un leone, gazzelle, un ippopotamo, un leopardo, un coccodrillo. Un leone uccide solo per necessità di sopravvivenza o e non per il gusto di uccidere. Dunque uccidere questi due criminali non dovrebbe essere un reato essendo dei subanimali. Sarebbe stato meglio che gli Stati africani fossero rimasti colonie degli Stati europei perché certamente gli Stati europei non avrebbero avuto bisogno di concedere il permesso di uccidere animali africani per trarne un vantaggio economico come fanno certi Stati africani che danno il permesso di uccidere come è stato dato a questi due subanimali perché, non avendo i negri la cultura del lavoro, sono condannati a vivere nella miseria. Senza la colonizzazione europea i negri vivrebbero ancora in capanne di fango con arco e frecce. Troppo poco che siano stati licenziati e siano rimasti senza lavoro. In mancanza di un atto di giustizia che richiederebbe la loro morte questi due schifosi subanimali dovrebbero rimanere senza lavoro a vita sino alla morte per fame sottraendoli anche alla carità.     

Turisti uccidono un leone:
la foto finisce sui social,
li obbligano a dimettersi


 
494

BUFFONESCA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA

Non ci si poteva aspettare una reale riforma della giustizia da un 5 Stalle come il ministro Bonafede. 
Riforma buffonesca. I giudici debbono essere esaminati da giuristi (che sono specializzati in una particolare materia giuridica), mentre i giudici nel civile sono degli ignoranti che hanno smesso di leggere un libro di diritto (che comprende anche la dottrina dei giuristi) da quando da ragazzi hanno superato il concorso di ingresso nella magistratura. La legge permette ad essi di diventare TUTTOLOGI, cioè ignoranti perché non è richiesta ad essi una specializzazione nella giustizia civile. Occorre anche un tribunale formato da giuristi che abbia il compito di esaminare dei ricorsi contro sentenze palesemente aberranti perché contenenti gravi vizi logici inescusabili. Non escludendo il licenziamento perché se uno è stragionante lo rimarrà per tutta la vita. Infine introdurre la responsabilità PERSONALE in ogni grado del giudizio (compresa la Cassazione) quando uno sia vittima anche nel civile di sentenze palesemete aberranti. Anche per questo è necessario un  tribunale speciale formato da giuristi senza dover finire all'estero con la Corte di Strasburgo. I panni sporchi si lavano in casa.     

venerdì 12 luglio 2019

SULL' ASSERITO FINANZIAMENTO RUSSO ALLA LEGA

Ammesso che la Lega abbia ricevuto rubli dalla Russia, cosa non dimostrata, dove esisterebbe il reato? Non esiste. Un partito per la Costituzione è un'associazione privata. Può dunque ricevere soldi da chi vuole purché non ci sia uno scambio di favori. Il vecchio P.C.I. riceveva soldi dal partito comunista sovietico. Si sapeva. E dove stava il reato? Si dice che la Lega, essendo un partito di governo, non poteva ricevere soldi dalla Russia. Ed io osservo: che differenza vi sarebbe stata se li avesse avuti da donazioni private senza che i privati avessero avuto dei benefici in cambio, come appalti o sistemazioni nella pubblica amministrazione? Si osserva ancora che i rubli che la Lega avrebbe ricevuto erano finalizzati ad un cambiamento della politica estera. Ma anche in questo caso dove sta il reato? Perché ad un partito al governo dovrebbe essere impedito di manifestare un nuovo indirizzo politico con una alleanza con la Russia? Che cazzo ha da indagare un procuratore di Milano? A questo punto l'unica accusa si pone solo sul piano politico da parte di quella opposizione che è serva dell'UE che ha posto delle sanzioni economiche contro la Russia che si è estesa in Crimea, non occupandola con una conquista, ma riprendendone possesso perché la Crimea, da sempre russofona, con popolazione russa, era appartenuta da sempre alla Russia. Fu Kruscev a trasferirla dentro i confini dell'Ucraina quando l'Ucraina era una Repubblica dell'Unione Sovietica. Sparita la quale era giusto che la Crimea   tornasse alla Russia. Ci si dimentica della guerra di Crimea del 1853-56,  quando essa fu invasa da truppe francesi, inglesi, austriache  e anche italiane inviate da Cavour solo per acquisire delle benemerenze in previsione della richiesta di aiuto da parte della Francia nella guerra contro l'Austria, che dominava nel Lombardo-Veneto. Nel 1859 vi fu in effetti la sconfitta dell'Austria, ma il risultato non fu quello sperato da Cavour perché la vittoria contro l'Austria si risolse in una mezza sconfitta del Regno sardo-piemontese, che si estese solo nella Lombardia e per essa dovette cedere tutta la Savoia e Nizza alla Francia. Il regno sardo-piemontese, nel frattempo estesosi nel 1861 in tutto il regno borbonico con la spedizione dei mille di Garibaldi, dovette attendere sino al 1866 perché anche il Veneto diventasse parte del neonato regno d'Italia beneficiando della sconfitta dell'Austria ad opera della Prussia, di cui l'Italia era alleata in guerra contro l'Austria. Ma dovette rinunciare al Trentino dove truppe italiane con Garibaldi si erano addentrate. Anche a causa della sconfitta navale a Lissa ad opera della flotta austriaca.  E dovette attendere sino al 1870 per cancellare lo Stato della Chiesa approfittando della sconfitta della Francia (protettrice del papa Pio IX) ad opera della Prussia nella battaglia decisiva di Sedan.  
Questi sono i precedenti storici che dimostrano che le sanzioni economiche contro la Russia sono nate da una folle politica della disgrazia dell'Unione Europea, che ha voluto sanzionare la Russia perché era rientrata in Crimea. Una disgrazia anche sul piano economico perché ha impedito alle industrie italiane di continuare nelle sue esportazioni (soprattutto di generi alimentari) in Russia, con la perdita di decine di miliardi in fatto di fatturato delle imprese italiane. Se dunque un partito al governo dimostra simpatie per la Russia e chiede, come chiede la Lega, che l'Unione Europea cancelli le sanzioni economiche contro la Russia dove sta il reato che la Lega avrebbe commesso ricevendo finanziamenti dalla Russia in cambio di una diversa politica estera dell'Italia? Ecco in che cosa veramente sarebbe consistito il reato: nell'avere manifestato un'opposizione all'indirizzo politico dell'UE, cioè un'opposizione allo stato di schiavitù in cui l'Italia si trova nei confronti dell'UE. E' reato preferire una alleanza economica con la Russia piuttosto che una schiavitù politica dentro l'UE?    

Riassunto della guerra di Crimea - Unità d'Italia - WeSchool

   

Guerra di Crimea - Wikipedia


giovedì 11 luglio 2019

SAN FIRMINO: OCCORRE LA VIOLENZA CONTRO LA SPAGNA DELLA CORRIDA

Inviato all'ambasciata spagnola in Roma  emb.roma@maec.es

Ogni anno a Pamplona, dal 7 al 14 luglio alle ore 8 del mattino ricorre la barbarie della corsa di 8 tori che, dopo essere stati tenuti al buio per molte ore, vengono lasciati liberi insieme a dei buoi, che impazziti dalle grida di questi subanimali, percorrono 800 metri correndo lungo un percorso obbligato per finire dentro l'arena dove la sera avviene la mattanza dei tori con la corrida. Ed ogni giorno la stessa barbarie con altri nuovi tori. E' mai possibile che l'Unione Europea continui a tacere contro questa barbarie della corrida che viene considerata dalle squallide autorità municipali di Pamplona e dal governo spagnolo una tradizione di cui vantarsi? E vi è gentaccia che viene anche dall'estero per godere di questo orrendo spettacolo di crudeltà. Fece bene il lurido Hamingway, estimatore della corrida (e scandaloso premio Nobel per la letteratura), a suicidarsi sparandosi in testa con un colpo di fucile, quello stesso che usava per uccidere vigliaccamente animali in Africa. Suicidandosi fece l'unica cosa giusta della sua vita. Questa umanità mi fa schifo insieme con la Chiesa cattolica che nulla ebbe mai a dire contro la cattolicissima Spagna (quando era cattolicissima). Contro queste tradizioni di barbarie non basta la non violenza delle associazioni animalistiche come la PETA, che dovrebbero assaltare le ambasciate spagnole. Contro la violenza si deve rispondere con la violenza, giustificata dal fatto che non può essere considerata violenza quella impiegata contro coloro che fanno della violenza contro animali uno spettacolo di barbarie e di crudeltà. Assurdo poi che un san Firmino (pare che sia vissuto nel III secolo) venga festeggiato quasi per vendicarlo perché si racconta che durante le persecuzioni dei cristiani fosse morto trascinato per i piedi da un toro. Cristiani peggio dei pagani. Assurdo che ci si preoccupi solo di alcuni subanimali che corrono davanti ai tori per aizzarli a correre rimanendo feriti. 
W la Catalogna che ha abolito la corrida e a cui il lurido governo di Madrid ha impedito di acquistare l'indipendenza. La storia della Spagna è una storia vomitevole di inciviltà per non aver dato mai alcun contributo alla conoscenza scientifica. Non si può trovare in tutta la sua storia il nome di uno scienziato. In compenso esportò la sue conquiste militari in altri Stati europei, come l'Olanda e l'Italia, che dovette sopportare per secoli  la conquista spagnola in Lombardia, in Sardegna e in tutta l'Italia meridionale. E fu il braccio destro dell'Inquisizione con inquisitori che appartenevano agli ordini domenicano e francescano (alla faccia di questo papaccio che ha preso il nome  da quel di Assisi).  E massacrò intere popolazioni indigene delle Americhe con la scusa di convertirle al cristianesimo (cattolico).


E' l'altra faccia della festa di San Fermìn, a Pamplona. Un flash mob degli animalisti Peta che ogni anno stigmatizzano con interventi, a volte provocatori, una ...           

Pamplona, le foto choc dei tori a San Firmino. Corridori travolti e feriti ...


 

Come la festa di San Firmino ha portato all'annuale “corsa dei tori”


Corsa dei tori di san Firmino a Pamplona, due feriti | San Francesco ...

martedì 9 luglio 2019

LA VITA MALATTIA MORTALE AL 100%. SI NASCE TUTTI MALATI

Così mi ha detto l'altro giorno un neurochirurgo. Gli risposi aggiungendo ciò che avevo pensato dopo aver letto come giovane docente La malattia mortale di Kierkegaard, andando ben oltre Kierkegaard, per cui la malattia mortale è la disperazione, che per Kierkegaard si può superare solo con la fede in Dio. 
Nel mondo della non esistenza di incontrano due non enti, e il primo domanda al secondo: hai saputo? E' stata scoperta una terribile malattia. Davvero? E come si chiama? domanda il secondo non ente. Risponde il primo non ente: VITA. E dicono che sia mortale.
Aggiungo ora.
Solo non nascendo ci si può sottrarre alla terribile malattia che non lascia scampo ad alcuno. Siamo tutti in lista di attesa.
Si nasce per sbaglio (non voluti) o per egoismo di due individui che credono di donare la vita non sapendo che stanno donando la morte. Solo per gli animali non umani la vita ha un senso perché non possono porsi la domanda "che senso ha la vita?". Coloro che vogliono figli si pongono sotto il livello dell'animalità. Perché, mentre gli animali sono scusabili obbedendo all'istinto della riproduzione, gli uomini non sono scusabili perché non sanno fare uso della ragione.  Hanno l'illusione di sopravvivere nei figli oppure ritengono di dover avere eredi a cui lasciare la loro proprietà, se l'hanno. Inoltre penso che vi sia un altro motivo, che è quello inconscio di sottrarsi al non senso della vita per crearsi delle responsabilità nei confronti dei figli. E così continua la stafetta della morte in cui ogni ognuno lascia al figlio il testimone della morte. Io mi sono voluto sottrarre a questa staffetta. La cosa più giusta che abbia fatto nella mia vita. Avrei preferito che mia madre mi avesse abortito. E che cosa dire ai credenti? Nella Evangelium vitae Giovanni Paolo II, rivolgendosi alle donne che avevano abortito, scrisse che i loro mancati figli erano stati accolti "nella gloria di Dio". Ma allora è meglio essere abortiti per avere assicurato subito il paradiso. Ma a questo punto riporto il pensiero del filosofo positivista Edmund Burke (Forza e materia): "E' più spaventoso il pensiero che dopo la morte vi è il nulla o non è più spaventoso il pensiero che dopo la morte (sottinteso: diventando eterni) non possiamo più morire?". Alcuni filosofi, come Pitagora e Platone (influenzato da Pitagora), hanno cercato di ovviare, come pure il buddismo, al pensiero sia di una vita eterna sia di un nulla dopo la morte introducendo la dottrina della reincarnazione. Anche per superare la difficoltà di una vita decisa dai genitori. Ogni anima è eterna e  i genitori sono soltanto il mezzo con cui l'anima si deve reincarnare. Ma chi decide dove reincarnarsi? Meglio il nulla che dovermi reincarnare dove mai vorrei reincarnarmi. Pura fantasia quella della reincarnazione.       
E in effetti mi spaventa una eternità anche se fosse di eterna beatitudine. Non riesco a immaginarmi una vita di eterna noia in cui nulla più vi è da progettare. 
Preferisco immaginare un paradiso come quello immaginato nella follia del Corano, dove le anime beate sono accolte da bellissime vergini dal seno ricolmo e con occhi belli come rubini, che, due per volta, affiancheranno con i loro letti il letto dell'anima beata, tra fiumi di vino purissimo e dolcissimo miele. Insomma: un paradiso dove si mangia, si beve e si chiava. E le donne beate sono accolte da uomini? No. Non lo si dice. Ma quante vergini dovrebbero arrivare in paradiso? Mi ricordo una vignetta di Charlie Hebdo, dove ad un'anima beata maschile che arriva in paradiso vien detto: No, basta. Non vi sono più vergini. Le abbiamo terminate. 

Dopo questo intervallo scherzoso sulle stronzate del Corano bisogna seriamente riflettere scientificamente sulla casualità determinante che ha dato origine all'universo visibile nato casualmente dal Big Bang (oltre il quale vi è il pluriverso). La casualità demolisce ogni disegno intelligente dell'universo. E' casuale che la Terra si sia trovata ad una certa distanza dal sole che ha permesso una temperatura che non fosse troppo calda come quella dei pianeti più vicini al sole o troppo fredda come quella dei pianeti più distanti dal sole, a incominciare da Marte, che comunque, avendo una massa, e perciò una gravità, assai inferiore a quella della Terra, non poteva trattenere attorno a sé un'atmosfera. E' infatti casuale che la Terra abbia una massa a cui corrisponde una forza di gravità che ha permesso che l'atmosfera non venisse dissipata nello spazio. Senza queste condizioni casuali non sarebbe mai sorta la vita sulla Terra. E poiché è unica l'origine di tutte le forme di vita a cominciare dalla formazione dell'RNA (con una sola elica) che ha dato origine al DNA (con doppia elica) vi è da domandarsi: perché solo l'uomo dovrebbe avere un'anima immortale e non anche un insetto? E in quale fase dell'evoluzione dall'australopithecus all'homo abilis, all'homo erectus e all'homo sapiens sarebbe sorta l'anima immortale? Infine: nonostante molte malattie dipendano da stili di vita errati, soprattutto in considerazione di certe pessime tradizioni alimentari e dei cibi oggi prodotti industrialmente con sostanze nocive, tuttavia vi sono più malattie che hanno un'origine genetica che dipende da errori inseriti nella catena del DNA a causa di errori di duplicazione delle coppie delle sue basi azotate (adenina-timina e citosina-guanina) e a errori di trascrizione del DNA nell'mRNA che codifica i vari tRNA (transfert) che hanno  il compito di inserire un preciso amminoacido (uno dei 20 amminoacidi) nella catena polipeptidica degli amminoacidi costituita da un filamento di mRNA, che chiudendosi dà origine a una proteina. Un'amminoacido che si posizioni in modo errato nella catena polipeptidica (RNA ribosomiale) è la conseguenza di errori di duplicazione del DNA e di trascrizione del DNA nell'mRNA e nel tRNA e può essere causa di malattie nella formazione di una moleca errata. E ciò dimostra ulteriormente la causalità della formazione del DNA, che, formatosi imperfettamente a causa della sua casualità, è per ognuno una sorta di orologio biologico in cui sta scritta la durata della vita. Di fronte a queste osservazioni cadono tutte le religioniin quanto fannoappello adun disegno intelligente e finalistico della natura.      

La malattia mortale di Kirkegaard - I parte - NihilScio

La malattia mortale - Filosofico.net