lunedì 12 dicembre 2016

GIUSTA MORTE DI UN VETERINARIO INFAME

Come può un veterinario essere un cacciatore, per di più godere dell'uccisione di un leone in Africa? Non gli bastava ciò. Continuava ad andare a caccia ed è crepato cadendo in un burrone mentre cercava di recuperare il corpo di un camoscio che da vigliacco aveva appena ucciso. La sua vita valeva meno di quella di un insetto nocivo. Era stata richiesta la radiazione dall'albo perché non è ammissibile che un veterinario possa uccidere un animale che egli stesso per dovere professionale dovrebbe curare se gli venisse portato in ambulatorio. Bisogna introdurre nel Codice professionale dei veterinari il divieto ai suoi iscritti di essere cacciatori, espressione di una genia di schifosi subanimali.   
 TORINO

Posò con il leone ucciso: medico cacciatore cade in burrone e muore

Uccideva leoni in Africa:
morto Luciano Ponzetto




Veterinario-cacciatore muore mentre insegue una preda - Cronaca ...

www.quotidiano.net/cronaca/veterinario-cacciatore-torino-1.2744922
12 ore fa - Ieri Luciano Ponzetto, stimato veterinario di 55 anni residente a Orio Canavese (Torino), è morto cadendo in un burrone mentre inseguiva una ...

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Non credo al karma, ma quel giorno, recandosi a caccia, la grande mietitrice lo aspettava, pan per focaccia.Chissà se è deceduto all'istante o ha avuto il tempo di capire che sarebbe passato a miglior vita...nel secondo caso, chissà se gli sono venuti in mente i leoni ammazzati con tanto spregio e tanta baldanza.
Stimato??? E' stata fatta una raccolta firme per radiarlo dall'albo, altro che stimato.

cosimo collection ha detto...

..che fosse un assassino è scontato. Responsabili, anche, chi gli dava la possibilità di professare clienti compresi. Giudtizia è fatta! Madre Natura si è vendicata ancora una volta, dopo renzi (con la erre miniscola, non si merita neanche quella maiuscola ) e toccata a lui!

Cosimo Auricchio