mercoledì 16 settembre 2015

L'ULTIMA GRANDE STRONZATA DEL "GRANDE" GIURISTA STEFANO RODOTA'

In una trasmissione serale (non ricordo se sia Ballarò o Di martedì), sempre per difendere l'idea fissa e sballata che bisogna riconoscere per legge anche le unioni omosessuali (e non poteva non aggiungere la nauseante cantilena "ce lo chiede l'Europa) ha detto che lo Stato deve riconoscere il rapporto d'amore tra due individui. Ora, non vi è frase più insensata di questa dal punto di vista giuridico che da sempre, almeno dal diritto romano, ha escluso l'amore come fondamento del matrimonio. L'ufficiale di stato civile di fronte alla coppia legge gli articoli 143e 147 del Codice Civile. E in tutto il Codice Civile, nella parte che riguarda il matrimonio, non appare mai il termine "amore". E non apparirà mai tranne che una maggioranza di pazzi in parlamento modifichi il Codice Civile sull'argomento. Allo Stato gliene importa nulla, e deve importargliene nulla, che due si sposino per amore o per altro motivo, quale l'interesse economico. Perché lo Stato, evidentemente, non può verificare che due si amino realmente trattandosi di sentimenti, che, in quanto tali, rimangono nel privato e non debbono affacciarsi nel pubblico. Quanti matrimoni avvengono per interesse di vario genere. Due potrebbero anche, per reciproco interesse, fare un matrimonio "aperto" senza giurarsi fedeltà. E allora perché debbo sentire dire  certe stronzate dal Rodotà, che fu candidato alla presidenza della Republica da parte di 5Stelle? Il Rodotà è l'immagine di quel relativismo del multiculturalismo che è ormai la malattia mortale dell'Occidente. E di questa malattia si avvantaggia l'invasione islamica che considera l'Occidente corrotto. Una modifica del Codice civile dovrebbe tacitamente, cioè ipocritamente, cancellare la distinzione naturale tra il culo e la vagina. Ma questi ipocriti non avranno mai il coraggio di parlare chiaramente in questi termini. Continueranno a dire da disonesti che vogliono parità di diritti con il diritto all'affettività. Ma se i rottinculo si vogliono inculare chi glielo proibisce nel privato? Vi è bisogno di avere il riconoscimento legale dell'inculamento? Ce lo chiede l'Europa? Ma che vada affanculo questa ormai farsa di Europa. W Putin.

6 commenti:

Sergio ha detto...

Mah! Il riconoscimento legale dell'affettività o dell'amore è effettivamente un'idiozia. Con la loro azione i rottinculo e le lesbiche vogliono il riconoscimento della loro perfetta normalità, pur rappresentando soltanto il 5-10% della popolazione (ma con tendenza all'aumento, si direbbe, vista la loro ossessiva presenza e petulanza). Lo Stato è interessato alle nascite, se no sparisce. E si genera non solo per amore, ma perché "così fan tutti" - e allo Stato non interessa se è stato per amore o altro.
"Siamo normali, siamo perfettamente normali" è il messaggio ossessivo dei rottinculo. E gli stronzoni de sinistra applaudono perché "ce lo chiede l'Europa» (senza l'Europa questi deficienti non ci sarebbero arrivati).
Certo è sorprendente che una netta minoranza (5-10%) riesca a intimidire la maggioranza assoluta. "Sei omofobo, sei omofobo, l'omofobia è un reato!" Ma annate affanculo, visto che vi piace tanto, e non scassate il cazzo a noi. Siete ormai liberi di incularvi alla luce del sole, persino con la benedizione della Chiesa ormai alla frutta (chi crede più nelle idiozie della fede?). Ma volete un timbro di normalità sulle vostre chiappe. Timbriamo, timbriamo, ma non siete normali. Vendola e sua moglie o suo marito non riusciranno mai a fare un figlio anche se lo desiderano tanto. Vendola può comprarselo come Elton John perché è ricco o benestante, per quanto comunista. Gli ex comunisti sono ormai tutti sistemati e persino arricchiti. Uno di loro ha l'hobby della viticoltura. Le vie del Signore sono infinite, si comincia comunisti e si finisce presidente della Repubblica (Napolitano) o viticoltore (d'Alema). Mentre gli "oprerai" non arrivano alla fine del mese.

Anonimo ha detto...

te lo dico io perché vogliono la parita': per il solito motivo di business. Dare la possibilita' ai rottinculo e alle lesbiche di sposarsi cosi' come se fossero normali, apre moltissime possibilita' di business, e quindi di aumento del PIL, e quindi e' cosa buona e giusta, secondo i SERVI del DIO DENARO.
Il business che si crea e' il seguente: i gay e lesbiche sono molto piu' promiscui. Si trombano, si lasciano, molto piu' spesso della gente normale. Ogni volta che lo facessero in un ambito giuridico (come gia' avviene in praticamente tutta europa), scattano tasse, avvocati, ecc.... Anche se il matrimonio fosse ridotto ad un semplice CLIC sul PC, l'importante e' l'obolo.

L'unico modo di uscire da questa merda, e' il solito modo: purificazione. Dalla radice greca "pur", cioe' fuoco. Solo bruciando tutto sei sicuro di estirpare la merda.
Infatti non a caso nel medioevo si bruciava tutto cio' che era considerato infetto (persone incluse).

Due sono i modi: o una nuova crisi economica, che spero arrivi presto, e distrugga piu' di quella del 2008.
Oppure tramite ISIS, musulmani, ecc... mandare in merda tutta l'europa.

Purtroppo per far fuori gli USA, necessariamente ci faremo fuori noi.

RIC ha detto...

sinceramente chiamare amore l'atto di spingersi reciprocamente la merda su per il colon mi fa impressione ...

RIC ha detto...

sinceramente chiamare amore l'atto di spingersi reciprocamente la merda su per il colon mi fa impressione ...

Eva de Molay ha detto...

Quando ero più giovane pensavo che i gay fossero persone da rispettare in quanto diverse, ma mai ho ritenuto che fossero normali. Adesso li detesto tutti, perché gli abbiamo dato un minimo di spazio, di tolleranza e...? E hanno mostrato quello che sono: depravati, sprezzanti della figura materna e paterna, pretendono di abolire la parola madre solo per evitare di dare spiegazioni a bambini che hanno comprato da donnacce scellerate che in cambio di sporco denaro hanno accettato di concepire figli di nessuno. Fosse per me, darei la pena di morte a chi attua quello che io chiamo traffico di esseri umani legalizzato. Dare figli in pasto a omosessuali significa produrre altri esseri degeneri come chi li cresce e li educa, se non peggiori. Ho visto famiglie povere cui sono stati sottratti i figli per motivi meramente economici, e ora mi tocca vedere uomini che solo perché hanno i soldi comprano bambini, che si mostrano a loro mentre si baciano in bocca, per non dire altro. Possono dire tutto quello che gli pare, ma la vagina serve a procreare, è "L'Origine du Monde"... Il culo serve a defecare. E la mamma è troppo importante per chi ce l'ha... Loro la tolgono a un neonato, sono esseri egoisti e crudeli.

Eva de Molay ha detto...

Quando ero più giovane pensavo che i gay fossero persone da rispettare in quanto diverse, ma mai ho ritenuto che fossero normali. Adesso li detesto tutti, perché gli abbiamo dato un minimo di spazio, di tolleranza e...? E hanno mostrato quello che sono: depravati, sprezzanti della figura materna e paterna, pretendono di abolire la parola madre solo per evitare di dare spiegazioni a bambini che hanno comprato da donnacce scellerate che in cambio di sporco denaro hanno accettato di concepire figli di nessuno. Fosse per me, darei la pena di morte a chi attua quello che io chiamo traffico di esseri umani legalizzato. Dare figli in pasto a omosessuali significa produrre altri esseri degeneri come chi li cresce e li educa, se non peggiori. Ho visto famiglie povere cui sono stati sottratti i figli per motivi meramente economici, e ora mi tocca vedere uomini che solo perché hanno i soldi comprano bambini, che si mostrano a loro mentre si baciano in bocca, per non dire altro. Possono dire tutto quello che gli pare, ma la vagina serve a procreare, è "L'Origine du Monde"... Il culo serve a defecare. E la mamma è troppo importante per chi ce l'ha... Loro la tolgono a un neonato, sono esseri egoisti e crudeli.