martedì 8 marzo 2016

ARGOMENTI STORICI A FONDAMENTO GIURIDICO DELLA PENA DI MORTE

Di fronte a certi fatti orribili di sangue soltanto dei cervelli malati possono continuare a condannare la pena di morte. Bisogna liberarsi dei subanimali che con ferocia uccidono. Subanimali perché i predatori non uccidono per crudeltà ma per motivi di sopravvivenza nei rapporti interpsecifici. In quelli intraspecifici gli animali non umani sono migliori di molta umanità. Episodi che spesso superano i film dell'horror. Poi  si troveranno i soliti avvocati puttani che si vendono alle cause più sbagliate, o gli psicologi che troveranno argomenti per attenuare la colpa con il solito motivo: incapace di intendere e volere. Ma subito dopo l'assassino riacquista la piena capacità di intendere e volere. Nel caso esaminato questi due orribili assassini avevano già programmato con piena lucidità il loro  terrbile delitto. Cercavano qualcuno da uccidere. Debbono perciò meritare la morte, che per essi sarebbe una sofferenza minore rispetto a quella subita dalla loro vittima prima di morire.





Roma, gli ultimi minuti di Varani
"Ferito alla gola per non farlo gridare"

Sesso e follie, la rovina di Manuel e Marco Padre di Foffo in tv: "Ragazzo modello" video Il legale: "Chiederemo la perizia psichiatrica"

Il folle movente: "Volevamo vedere che effetto fa" Foto

E il padre che si permette di dire che il figlio era un ragazzo modello.  Il padre avrebbe dovuto richiedere la pena di morte per l'efferato delitto di quel mostro che fece nascere. Ho tratto occasione da questo tremendo delitto che supera la fantasia del peggiore film horror per riportare quanto scrissi nel 2006 nel mio libro Scontro tra culture e metacultura scientifica.


Sul diritto naturale si fonda la giustificazione della pena di morte. La condanna della pena di morte discende dalla solita confusione tra morale e diritto, che porta lo Stato a sostituirsi alla vittima innocente che non avrebbe voluto moralmente perdonare, con la conseguenza contraddittoria che l’assassino avrebbe un diritto naturale alla vita maggiore rispetto a quello della vittima. Coloro che, “allignando nella palude dell’emotivo”,[1] gonfi di sentimento, ma privi di ragione, attribuiscono ipocritamente alla pena una funzione rieducativa (come si desume dall’art. 27 della Costituzione italiana), e non afflittiva, ritengono barbari i sostenitori della pena di morte. 

Tra questi barbari dovrebbero essere inclusi allora anche il fondatore del cristianesimo, S. Paolo (che nell’Episola ai Romani riconobbe al governo, anche pagano, l’jus gladii, cioè il diritto di spada), nonché il maggiore Padre della Chiesa, S. Agostino, il maggiore dottore di essa, S. Tomaso, il padre del liberalismo moderno, Locke, il maggiore filosofo dell’Illuminismo, Kant, sino a giungere a Pio XII, che, proposto per la beatificazione da Giovanni Paolo II, difese una concezione vendicativa della pena e giustificò la pena di morte vedendo nel disprezzo dell’ordine pubblico un’opposizione a Dio (Acta Apostolicae Sedis 47, 1955). Pio XII. l’ultimo grande papa. Dopo di lui il caos nella Chiesa cattolica. Giovanni Paolo II, facendo visita ad un carcere, invitò i carcerati a sopportare la loro croce, come se i delinquenti di ogni specie potessero essere considerati vittime e non carnefici. Il buonismo che uccide la giustizia.

Platone nel Protagora afferma che è comando divino l’uccidere gli individui incapaci di giustizia, in quanto sono una piaga sociale. E nelle Leggi (L. IX) è prevista la pena di morte per gli omicidi volontari e l’esilio per due o tre anni per quelli involontari, essendo ritenuti tali quelli causati da uno stato d’ira motivato, che, tuttavia, non non vale come attenuante nel caso di patricidio o matricidio. Aristotele (Etica nicomachea, V, 5), pur sfiorando soltanto l’argomento, scrive che “alcuni ritengono che la legge del taglione sia assolutamente il giusto; e così affermarno i Pitagorici: essi infatti definirono in senso assoluto il giusto come il rendere agli altri il contraccambio. Ma la legge del taglione non si accorda con la giustizia distributiva né con quella regolatrice”, cioè compensativa del danno subito. Infatti subito dopo Aristotele spiega che è più grave colpire un magistrato perché in tal caso chi lo colpisce dovrà non soltanto essere colpito, ma anche punito. Dunque Aristotele, benché non accenni espressamente alla pena di morte, chiarisce che la legge del taglione è la base della giustizia. ||||Rimane sottinteso che l’assassino merita la morte che egli ha inflitto ad altri.    

Seneca, autore delle Lettere a Lucilio, che possono essere considerate il capolavoro della filosofia morale di ogni tempo, scrive nel De clementia che la legge nel punire i delitti può applicare anche la pena di morte, “estirpando i malfattori dal corpo sociale per assicurare la tranquilla convivenza degli altri”.

Il diritto romano consolidò la teoria che la giustizia dovesse ritenersi pubblica vendetta nei confronti di chi attentasse al bene comune, identificato con l’utilità sociale. Nell’età moderna il diritto romano fu elaborato da filosofi e giuristi secondo l’indirizzo del diritto naturale, per trovare in esso la giustificazione della libertà di pensiero, ma anche quella della pena di morte in difesa dell’ordine pubblico[2]

Nelle Lettere[3]Agostino evidenzia come il perdono possa avere conseguenze negative su chi, invece di correggere la propria condotta, incrudelisca nella sua arroganza, oppure, correttosi nella sua condotta, induca tuttavia altri ad approfittare sperando in eguale impunità. Riprendendo il pensiero di S. Paolo, Agostino scrive: “Se fai il male, abbi paura, poiché l’autorità non senza ragione porta la spada; essa infatti è strumento per infliggere punizione ai malfattori in nome di Dio”. Inoltre S. Agostino scrisse nel De libero arbitrio che “se l’omicidio consiste nel distruggere o uccidere un uomo, talvolta si può si può uccidere senza commettere peccato; questo vale per il soldato col nemico, per il giudice o il ministro con coloro che fanno del male”.

In Agostino prevale la teoria della prevenzione come giustificazione della pena di morte. Una funzione prevalentemente retributiva, oltre che emendativa e di prevenzione, ha, invece, la pena di morte per S. Tomaso, che nella Summa theologica (II, II, q. 68, a.1) giustifica la pena come vendetta che si esercita sui malvagi in quanto questi usurpano i diritti di Dio e nella Summa contra Gentiles  (III, cap. 146), dopo aver scritto che la vita del delinquente deve essere sacrificata, allo stesso modo in cui “il medico taglia a buon diritto e utilmente la parte malata, aggiunge che “uccidere un uomo che pecca può essere un bene come uccidere un’animale nocivo. Infatti un uomo cattivo è peggiore e più nocivo di un animale nocivo”. Vi è dunque da domandarsi quale credibilità possa avere oggi la Chiesa, che, rinnegando circa 2000 anni di dottrina, da S. Paolo ad oggi, ha abolito nel 1999 dal Catechismo la pena di morte. La condanna della pena di morte vuole essere espressione di superiorità morale (dettata dal sentimento), ma è di fatto espressione di inferiorità giuridica, causata dalla corruzione del diritto da parte della morale.

Montaigne nei Saggi (1580) scrive, giustificando la pena di morte, che “non si corregge colui che è impiccato; si correggono gli altri per mezzo suo”. Tale giustificazione prescindeva da una concezione retributiva, e perciò da diritto naturale, perché Montaigne, esprimendo un relativismo culturale, faceva discendere le leggi dal costume di un popolo, scrivendo che “le leggi della coscienza, che noi diciamo nascere dalla natura, nascono invece dal costume…Per cui accade che quello che è fuori dai cardini del costume lo si giudica fuori dei cardini della ragione”.[4] Non si capisce pertanto come egli potesse pretendere di impiegare la ragione per giudicare i costumi.      Montesquieu ne Lo spirito delle leggi (1749), dove si dà la prima chiara formulazione della divisione dei poteri, scrive che “la pena di morte è provocata dalla natura delle cose…Essa è come il rimedio della società malata”.

Rousseau nel Contratto sociale (1762) considera la pena di morte entro una concezione retributiva sul presupposto che il cittadino è obbligato ad obbedire alla volontà generale (della maggioranza) quale condizione della conservazione del patto sociale, che implica la conservazione della vita dei contraenti. Ma chi vuole conservare la vita con il contributo degli altri deve essere anche disposto a morire dal momento in cui cessa di essere membro della società perché ne è divenuto nemico con il suo delitto. La conservazione della società in tal caso è incompatibile con quella del criminale.

Scrive Rousseau nel Contratto sociale che “è appunto per non essere vittime di un assassino che noi consentiamo a morire se diventiamo tali…Ogni malfattore diviene a causa dei suoi delitti nemico della patria; cessa di esserne membro; a questo punto la conservazione dello Stato è incompatibile con la sua; bisogna che uno dei due perisca”.   

Ha scritto Kant: “Se poi egli ha ucciso, deve morire. Qui non esiste alcun altro surrogato che possa soddisfare la giustizia. Non c’è alcuna omogeneità tra una vita per quanto penosa e la morte; e di conseguenza non esiste altra eguaglianza tra il delitto e la punizione, fuorché nella morte giuridicamente inflitta al criminale” (Metafisica dei costumi, parte II, sez. I, nota). [5]

E Schopenhauer, utilizzando contro Kant la seconda forma dell’imperativo categorico dello stesso Kant (“agisci in modo da trattare sempre l’umanità, tanto nella tua persona quanto nella persona di tutti gli altri, anche come fine, mai soltanto come mezzo”, osservava, rincarando la dose, che essa era infondata alla luce della giustificazione della pena di morte: “A quella formula ci sarebbe da obiettare che il delinquente condannato a morte è trattato, e giustamente, soltanto come mezzo e non come fine, come mezzo indispensabile per confermare alla legge, se attuato, la forza deterrente, nella quale appunto consiste il suo fine”.[6] In sostanza, per Schopenhauer l’assassino non fa parte dell’umanità, e dunque la sua vita cessa di essere un fine per diventare solo un mezzo della forza deterrente della legge. Ma, in effetti, Kant era alieno da qualsiasi concezione utilitaristica della pena, come quella di Schopenhauer, che vedeva nella pena un mero mezzo per ottenere un bene per la società. Per Kant è lo stesso delitto che richiede una proporzionata pena come imperativo categorico non potendo il condannato a morte essere utilizzato come esempio che serva da deterrente. Si può dire che per Kant la pena di morte si giustifica sulla base della considerazione che l’uomo, anche quando è un criminale, non può mai essere considerato un mezzo, per cui lo stesso criminale dovrebbe richiedere per sé la pena di morte per riscattarsi come uomo.        

Verso la fine del ‘700 Giovanni Domenico Romagnosi (1761-1835) in Genesi del diritto penale (1791), considerando che il diritto penale trova la sua giustificazione nella difesa della società e nella salvaguardia dei cittadini, ritenne che la pena giusta fosse quella che meglio garantisse la conservazione dei cittadini. Pertanto qualsiasi pena era giustificata. E in Memoria sulle pene capitali (1830) scrisse che “non si tratta più di vedere se esista il diritto di punire sino alla morte: ma bensì se esiste il bisogno di esercitare questodiritto…Chi commette un delitto commette un’azione senza diritto…Dunque il male irrogato per difesa necessaria al facinoroso è un fatto di diritto. Dunque se questo male dovess’essere spinto fino alla morte del facinoroso, questa morte sarebbe data con diritto…Voler poi negare indefinitivamente questo bisogno sarebbe lo stesso come dire in chirurgia non potersi dar il caso di dover fare l’amputazione di un membro”. Romagnosi riteneva  che la galera, pur senza lavoro, fosse per molti non un castigo ma un premio.

Hegel vide nel delitto il prevalere della volontà del singolo sulla volontà universale, per cui la pena consiste nel rovesciare la volontà del reo restaurando la volontà universale, che non significa recuperare il delinquente.[7] 

In Lineamenti di filosofia del diritto (1821) Hegel espose, come Kant, una concezione retributiva della pena, che ha la funzione di restaurare l’ordinamento violato. Criticando anch’egli, come Kant, Beccaria, ricononobbe allo Stato il diritto di applicare la pena di morte, giacché “l’annientamento del diritto è taglione, senza per questo essere vendetta”.[8]   

L’abolizionista si trova in compagnia di Robespierre, che, prima di cambiare idea pochi anni dopo, scriveva nei Discorsi sulla pena di morte, avvalendosi dell’argomento del possibile errore giudiziario, che la pena di morte era un eccesso di severità, e precisava: “un vincitore che tagli la gola ai suoi prigionieri è definito un barbaro”.  Egli si poneva contro il Codice penale approvato dall’Assemblea costituente nel 1791, che riconfermava la pena di morte prevista dalle leggi dell’ancien regime. L’abolizionista si trova in compagnia anche dell’anarchico Max Stirner, che nell’opera L’unico e la sua proprietà [9] concepiva il diritto come come legato all’arbitrio del singolo, sì da poter scrivere: “Se tu riconduci il diritto alla sua origine, in te, esso diventerà il tuo diritto, e sarà giusto ciò che per te è giusto”. La conseguenza è che per Stirner il crimine esiste soltanto perché esiste il dominio della legge che si ammanta di sacralità, e non viceversa, e la punizione si giustifica soltanto perché lo Stato si arroga il diritto di esercitare una vendetta chiamata punizione. Si può vedere come il ragionamento degli abolizionisti nasconda le stesse premesse di una concezione anarchica dello Stato, il cui diritto di punire si fonderebbe unicamente su una pretesa sacralità della legge. Stirner non si avvide che, partendo dalla sua concezione anarchica dell’individuo, a difesa dell’unicità della vita, intesa come espressione di solo egoismo, avrebbe dovuto ritenere normale l’omicidio, e innaturale l’intervento della legge a difesa della vita dello stesso egoista. L’assolutizzazione dell’individuo porta a giustificare, contraddittoriamente, il suo annullamento sulla base di una concezione della legge intesa come espressione della forza, e non come difesa del diritto naturale all’autoconservazione.        

Il famoso Dei delitti e delle pene (1764) di Beccaria nell’escludere la pena di morte esprime una concezione contrattualistica e utilitaristica della legge,[10] e pertanto non può che escludere una concezione retributiva della pena. Secondo Beccaria dal contratto sociale non deriva il diritto dello Stato di applicare la pena di morte perché gli uomini non possono avere contrattato ciò, dando agli altri il potere di ucciderli. Ma si noti come l’affermazione di Beccaria sia, oltre che illogica, soltanto una petizione di principio. Infatti gli uomini che avessero escluso la pena di morte sin dalla fase del contratto sociale per timore di essere uccisi avrebbero ammesso di aderire contraddittoriamente (perché in malafede) al contratto, avendo già d’allora  intenzione di uccidere, mentre il contratto nasceva perché nessuno potesse più rimanere vittima degli altri. Chi non avesse avuto intenzione di uccidere non avrebbe avuto paura di richiedere allo Stato la pena di morte, per maggiore tutela della propria vita, ma, al contrario, l’avrebbe impedita chi avesse avuto in animo di uccidere, pur aderendo al contratto. Perciò l’esempio di Beccaria giustifica solo la malafede.

Per Beccaria la pena ha la funzione di distogliere gli altri dal commettere eguale reato, mentre gli è estranea una concezione emendativa della pena, che serva al reo per redimersi. Ma si tratta di una giustificazione logicamente insostenibile, giacché 1) o tutti si dovrebbero sentire distolti; 2) o la pena non serve a tutti quelli che non si siano sentiti distolti, mentre per tutti gli altri sarebbe inutile.

La pena serve soltanto a quelli che non si sentano distolti. Ma questa è una tautologia che non spiega alcunché.

Le argomentazioni di Beccaria contro la pena di morte sono dunque risibili. Egli scrive: “Qual può essere il diritto che si attribuiscono gli uomini di trucidare i loro simili? Non certamente quello da cui risultano la sovranità e le leggi…Non è dunque la pena di morte un diritto…ma è una guerra della nazione con un cittadino, che giudica necessaria o utile la distruzione del suo essere”. Quale enorme confusione di idee! Da una parte un assassino viene considerato moralisticamente simile alla vittima innocente, dall’altra si presenta come negativo ciò che è positivo, che lo Stato, come in una guerra, ritenga necessario o utile usare le armi da guerra contro il nemico. L’argomentazione di Beccaria si rivolge contro di lui. Ma lungi da qualsiasi considerazione filosofico-umanitaria l’illuminista Beccaria è indotto a chiedere per il carcere perpetuo “una schiavitù perpetua! “fra ceppi o le catene”, in cui “il disperato non finisce i suoi mali”, come, invece, con la pena di morte. Beccaria condanna lo Stato che compra le delazioni e impone taglie: “Chi ha la forza di difendersi non cerca di comprarla. Di più, un tal editto sconvolge tutte le idee di morale e di virtù, che ad ogni minimo vento svaniscono nell’animo umano. Ora le leggi invitano al tradimento, ed ora lo puniscono…Invece di prevenire un delitto, ne fa nascere cento. Questi sono gli espedienti delle nazioni deboli, le leggi delle quali non sono che istantanee riparazioni di un edificio rovinoso che crolla da ogni parte”.[11]  D’altra parte, Beccaria (Dei delitti e delle pene, cap. XXVII) continuò a giustificare la pena di morte se “la morte di qualche cittadino diviene necessaria quando la nazione ricupera o perde la sua libertà, o nel tempo dell’anarchia, quando i disordini tengon luogo di leggi”.

Bisognerebbe dunque concludere che Beccaria non sarebbe oggi contrario alla pena di morte almeno per i delitti di mafia, in cui “i disordini tengon luogo di leggi”, o contro i trafficanti di droga, cioè di morte, siano collegati o non con la mafia. La mafia non può essere combattuta democraticamente, ma sospendendo nelle regioni mafiose ogni forma di rappresentanza politica, esposta localmente ai ricatti mafiosi, e ogni forma di garanzia costituzionale nei confroni delle famiglie mafiose, a cui soggiace anche tutto l’apparato giudiziario, dalle guardie carcerarie ai direttori delle carceri sino ai magistrati che dovrebbero giudicare i criminali mafiosi, i quali smetterebbero di comandare e ricattare anche dal carcere soltanto se venissero giustiziati con la pena di morte. Soltanto da morti non potrebbero più comandere e ordinare altre uccisioni. Si sa quali sono le famiglie mafiose, e quando si peschi dentro di esse si pesca sempre bene, senza andare per il sottile. Uno Stato che non voglia intendere ciò è o buffone o connivente con questa feccia di specie soltanto biologicamente umana. Merito principale di Beccaria è l’avere evidenziato la necessità di “una proporzione tra i delitti e le pene”. Ma proprio tale proporzione sarà rivendicata da Kant contro Beccaria per giustificare la pena di morte.   

Oggi nella dottrina penale americana prevale una concezione retributiva della pena che giustifica la posizione di Kant basata sul principio di eguaglianza. La legge del taglione (lex talionis) raccomanda di “fare agli altri ciò che questi hanno fatto a te”, come rafforzativa della regola aurea  secondo cui bisogna “fare agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te” (norma evangelica). In base alla lex talionis si ripristina l’eguaglianza che è stata turbata dal crimine E’ questa la tesi di J. H. Reiman.[12] In base a tale principio il crimine è un attacco alla sovranità dell’individuo che pone il criminale in una posizione di illegittima sovranità su un altro. La vittima ha il diritto, e la società il dovere, di rettificare la posizione del criminale riducendone la sovranità nello stesso grado. La vittima avrebbe avuto il diritto, ma non il dovere, di perdonare a chi ha attentato al suo diritto naturale, ma rispettando il principio che la vita della vittima non possa essere valutata come inferiore rispetto a quella del suo uccisore. Una pena alternativa come l’ergastolo (che in Italia non esiste più) non sarebbe in accordo con il principio di umanità della pena e dell’ipocrita funzione rieducativa di essa. E’ stato anche scritto: “Chi non avverte che vi è qualcosa di macabro e di beffardo in un processo nel quale la vittima non può più udire la propria voce?…Ma vi è di più, chi uccide con il suo delitto diminuisce in tutti il valore della vita, togliendo a ognuno un po’ di sicurezza di vivere, il che è come dire che lo priva di una parte della sua vitalità…L’esclusione della pena di morte per omicidio è un portato di maggiore civiltà o non è invece il segno di una minore sensibilità morale e di una meno chiara percezione del vero?…Chi con deliberato proposito uccide un uomo deve essere a sua volta ucciso dalla società costituita, che non può sottrarsi al suo obbligo senza macchiarsi di una colpa…E’ forse giusto che chi uccida non venga a sua volta ucciso? E che gli si infligga invece una pena di carcere che sarà mite in ragione di come saprà difendersi contro un morto”,[13] grazie ad avvocato prezzolato o al solito psicologo o sociologo di turno pronto a trovare tutte le attenuanti generiche e specifiche? Si vuole spesso dimostrare che l’assassino nel momento del crimine fosse incapace di intendere e volere. Ma poi riacquista sempre la lucidità! Si pretende assurdamente che il criminale si riconcili con la società senza tenere in alcun conto la vita dell’ucciso. Gli abolizionisti sono proprio coloro che ipocritamente o disonestamente tengono in minor valore la vita umana, stando a difesa degli assassini. Questo discorso vale anche per Amnesty International, che, come direbbe Hegel, alla ragione sostituisce la “brodaglia del cuore” (Lineamenti di filosofia del diritto, pref. ): associazione di saccenti presuntuosi e arroganti che credono di avere un cervello migliore di quello di tutti i pensatori che abbiamo citato. E, a parte la giustizia che bisogna rendere alla vittima, anche se morta, vi è un superiore interesse della società a liberarsi degli assassini che a ritenere “sacra”, come stupidamente si dice, anche la vita di un criminale.     

T. Sellin[14]volle dimostrare con un’indagine statistica che la pena di morte negli Stati Uniti non aveva un’influenza frenante sugli indici di morte per omicidio. Gli rispose Isaac Ehrlich,[15] che scrisse che i metodi statistici erano inattendibili, mentre, avvalendosi di diverse ipotesi, si poteva affermare che durante il periodo 1935-69 ciascuna esecuzione capitale aveva prevenuto il verificarsi di sette o otto omicidi in più. Infatti il criminale, in base alle offerte di mercato, conforma la sua condotta al desiderio di massimizzare il suo guadagno e di minimizzare i costi personali. Quando tra i possibili costi vi è la pena di morte diminuisce il desiderio di massimizzare il profitto. Ma questi sono argomenti utilitaristici che non scalfiscono minimamente il principio secondo cui la vita dell’assassino non deve valere più di quella della sua vittima.         . 

Chi è favorevole alla pena di morte ormai non ha più il coraggio di dirlo pubblicamente o non trova spazio, in Europa, soprattutto in Italia, per affermarne la giustezza perché i mass media, operando una dispotica censura, hanno deciso che i favorevoli alla pena di morte sono dei barbari, che non debbono corrompere i civili. La condanna della pena di morte vuole essere espressione di superiorità morale, ma è di fatto soltanto espressione di inferiorità giuridica. Da notare come gli stessi mass media, essendo totalmente privi di alcuna capacità o volontà di discutere sul piano razionale, essendo capaci di fare soltanto affermazioni moralistiche ed emotive contro la pena di morte, gonfi di sentimento e vuoti di ragione, confermino che la morale nasce soltanto dal sentimento e non dalla ragione, perché non trovano altro mezzo di persuasione, giocando sui sentimenti, che impiegare la telecamera per far vedere il condannato che soffre o l’ambiente della camera della morte, approfittando del fatto che non vi è mai una telecamera pronta a riprendere l’assassino quando infierisce impietosamente sulla vittima innocente. E se le immagini dell’assassino all’opera esistessero, ipocritamente non verrebbero fatte vedere con la scusa di non turbare la sensibilità dello spettatore. Inoltre gli abolizionisti non vogliono misurarsi con il gran numero di sostenitori della morte facendo finta che non esistano o impediscono un pubblico confronto, certamente timorosi di scoprirsi in minoranza. Essi sono anche dei disonesti arroganti, e pretendono di essere rappresentanti del progresso civile, sapendo solo demonizzare verbosamente come incivili chi ha seri argomenti contro di essi.     

Sia almeno riconosciuto ad ognuno il diritto di dichiarare se sia disposto a perdonare il suo eventuale assassino, perché lo Stato non si sostituisca alla volontà della vittima innocente.[16] E’ contraddittorio che ognuno per legittima difesa possa anticipare il suo aggressore armato uccidendolo, mentre si riconosce allo stesso aggressore che abbia anticipato la vittima il diritto di continuare a vivere. La legittima difesa presuppone che nel momento dell’aggressione la vita dell’aggressore non disponga più della tutela della legge e che esso si ponga in uno stato di natura, ponendo la sua vita alla mercé dell’aggredito. Non si capisce dunque perché lo Stato restituisca la tutela alla vita dell’assassino soltanto perché questo è riuscito ad anticipare la vittima.[17] Vi sono pubblici ministeri, garantisti senza cervello, capaci ormai di incriminare per omicidio o per eccesso di difesa chi previene un rapinatore uccidendolo, certamente convinti che l’aggredito debba prima rischiare di farsi uccidere. La giustizia è in mano anche a questi individui, con la loro cultura del buonismo che uccide la giustizia. Essi sanno scioperare soltanto contro qualsiasi controllo di merito del loro operato, non perché la giustizia abbia tempi brevi e chi la richiede non debba invecchiare o morire prima di una sentenza.         

Se si prendesse spunto dal pensiero dei filosofi esistenzialisti – che hanno mancato di trattare la questione della pena di morte – si dovrebbe riconoscere che, essendo l’uomo, come essi dicono, una possibilità autocostitutiva, come esistenza e non come essenza (o specie), il valore dell’esistenza umana non è dato dal fatto di essere umana, ma dal fatto di esprimere una possibile esistenza, da valutare in relazione ad un progetto che è la stessa singolarità dell’esistenza. Pertanto il criminale non può essere sottratto alla pena di morte dalla sua essenza umana, che esiste soltanto biologicamente. Già Pico della Mirandola nell’Oratio de dignitate hominis immaginava che Dio dicesse all’uomo: “Tu dominerai la tua natura secondo il tuo arbitrio…non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti plasmassi e ti scolpissi nella forma che avresti prescelto”. Sta all’uomo, secondo Pico, scegliere se essere soltanto un animale o di natura divina. Egli è responsabile del suo progetto di vita.      


La morale ha persino corrotto il significato del termine “vendetta” dandole un significato negativo, se non dispregiativo, mentre in realtà essa dovrebbe continuare ad essere espressione, come lo fu nell’antichità greca, di giustizia, in relazione ad una responsabilità oggettiva, come la intese Platone nelle Leggi. Che fa lo Stato, con l’infliggere una pena, se non vendicare la vittima e la stessa società di cui è stato violato l’ordine? Da notare come si tratti soltanto di una questione di attribuzione, perché la vendetta, se è attuata dallo Stato, è giustizia, mentre non lo è se è attuata dalla vittima o da chi per lui.


[1]   Carlo Nicoletti, Sì, alla pena di morte?, Cedam 1997, p. 60.  L’autore  soltanto per ragioni di cautela ha preferito aggiungere il punto interrogativo al titolo del suo testo. Egli ritiene che la concezione emendativa, cioè quella che pone come scopo della pena il recupero del colpevole, sia profondamente utopica e ipocrita perché non tiene conto delle condizioni e dei luoghi di pena, per cui “una carceraria città del sole costituisce niente di più che una contraddizione in termini” (p.9).   Tale concezione è soltanto una dichiarazione di intenti, in quanto “il ravvedimento è sempre e comunque un fatto individuale” (p.11). Quanto alla concezione  della pena come prevenzione, essa è  cinica, perché, prescindendo da ogni implicazione morale, ha come fine quello di isolare chi costituisce un attentato all’ordine sociale. ||Tuttavia l’autore||, professore di diritto processuale civile a Cagliari, ritiene che quest’ultima concezione  “è quella che perfettamente si attaglia alla pena di morte” ||(p. 16)||, quando pare, invece, evidente che sia la concezione retributiva, per la corrispondenza che essa richiede tra il delitto e la sua punizione. L’autore precisa che la pena non può essere assimilata alla vendetta perché quest’ultima può essere accompagnata dal piacere di restituire il male. Ma allora dovrebbe escludersi anche il piacere della giustizia.



[2]  Sulla pena di morte nella storia occidentale cfr. di Alberto Bandolfi Pena e pena di morte. Temi etici nella storia, Edizioni Dehoniane 1985; di Italo Mereu La morte come pena. Saggio sulla violenza legale, Donzelli 1982. L’esame che quest’ultimo testo fa di  tutti gli eccessi,  non escluse diverse forme di tortura, nell’applicazione della pena di morte come uso politico per sbarazzarsi degli avversari non deve essere confuso con il discorso sui principi. 

[3]  Agostino, Lettere, II, Città Nuova, 1971, pp. 541-47.

[4]  Saggi, Adelphi, 1982, p. 150.

[5]   Kant (ibid.) accusò Beccaria di “affettato sentimentalismo”.  

[6]  Il fondamento della morale, op. cit., p. 164.

[7]  Filosofia dello spirito jenese, Laterza 1984, p. 139

[8]  E’ evidente che Hegel, distinguendo la legge del taglione dalla vendetta, considera quest’ultima soltanto come espressione di una punizione privata, che può non rispettare la proporzionalità tra delitto e pena. Ma in sostanza anche la pena comminata dallo Stato non può non essere considerata anch’essa una vendetta, se la pena  rientra in una concezione retributiva come quella di Hegel.

[9]  In Gli anarchici, a cura di G.M Bravo, Adelphi 1970, pp. 510 sgg.

[10]Il contrattualismo non implica necessariamente l’utilitarismo  come  negazione di un diritto naturale. In Hobbes, per esempio, la concezione contrattualistica si accorda con quella utilitaristica, ma anche con una concezione giusnaturalistica che vede la legge naturale non dipendere dal contratto ma precederlo. Così in Locke la concezione contrattualistica si accorda con il diritto naturale alla libertà e alla proprietà (Secondo Trattato del governo civile (a cura di Luigi Pareyson) , Utet 1982, pp. 229-63.

[11]Oggi il riferimento fa all’impiego, da parte dello Stato, dei cosiddetti “pentiti”, premiati per le loro “confessioni”. E’ il risultato, direbbe Beccaria, di uno Stato che, non avendo la forza di difendersi, a causa del suo garantismo nei riguardi delle organizzazioni criminali, cerca di comprarla, mandando in rovina l’edificio dell’ordinamento giuridico, fondato sulla proporzionalità della pena al delitto.        

[12]Justice, Civilation and the Death Penalty, Justice 1991.

[13]Carlo Cetti,  Della pena di morte. Confutazione a Beccaria, Como 1960,  pp. 12-13.

[14]The Death Penalty, The American Law Insitute, Philadelphia 1959.

[15]The deterrent effect of punishment: a question of life and death, American Economics Reviw, 65, 1975.

[16]In questo senso si può ritenere ampliata la considerazione svolta da Platone nelle Leggi (IX, 869), dove è previsto che in caso di patricidio (o matricidio) – il delitto ritenuto più grave da Platone – il padre (o la madre) possa avere il tempo, prima di morire, di perdonare il figlio. In tal caso il patricidio (o matricidio) sarà ritenuto involontario e il colpevole dovrà soltanto purificarsi.

[17]Il nostro ragionamento trova riscontro in Gaetano Filangieri (Scienza della legislazione, 1781-88), che, riprendendo il pensiero di Locke sullo stato di natura, in cui ognuno ha il diritto di punire i delitti (II Trattato del governo, II, 11), osserva, contro Beccaria (Dei delitti e delle pene, 1764), che nello stato di natura si perde il diritto alla vita quando la si toglie ad altri, perché ognuno ha il diritto di uccidere il suo ingiusto aggressore, e, se rimane ucciso, il suo diritto si trasferisce da lui alla società. D’altra parte, non si aggiunge mai che Beccaria continuò a giustificare la pena di morte per quei delitti che minano l’ordine sociale.  Riferimento odierno potrebbero essere le organizzazioni a delinquere come la mafia, contro cui si devono usare leggi di guerra, non di pace, sospendendo le garanzie costituzionali, conservando le quali si ha soltanto uno Stato imbelle e buffone, se non colluso. Combattere la mafia (che impiega la pena di morte) con il garantismo delle leggi di pace, e senza applicare la pena di morte, significa cercare di contrastare un esercito dotato di artiglieria pesante con un esercito equipaggiato al massimo con fucili da caccia. Poiché è impossibile estirpare la mafia con metodi democratici, nell’attuale “democrazia” il sud d’Italia si merita soltanto l’autogoverno della mafia, senza aiuti economici da parte di altre regioni. Ha scritto Aristotele (Politica) che ogni popolo ha il governo che si merita. I capi mafia continuano a comandare dal carcere ricattando guardie e direttori del carcere. La pena di morte impedirebbe ai mafiosi di continuare a dare ordini. E’ altrettanto inconcepibile che non si applichi la pena di morte nei confronti dei trafficanti di droga, cioè di morte. Ritenere che la loro vita sia degna di rispetto significa corrompere lo stesso concetto di giustizia. Essi minano anche l’ordine sociale, per cui, dallo stesso punto di vista di Beccaria, dovrebbero essere eliminati senza pietà.             
 

10 commenti:

Anonimo ha detto...

professore,
io la vedo così.
oggi nessuno vuole assumersi le proprie responsabilità.
perché è faticoso e comporta rischi.
il giudice fa buoni tutti, perdona ( giuridicamente assolve ) tutti. è amico di tutti. della vittima e del carnefice. e insieme a loro magari vorrebbe farsi una bevuta.
può darsi che il giudice umanamente capisca che un pedofilo assassino non può essere rieducato, tanto meno in galera, e quindi sarebbe giusto dare una pena esemplare, come diceva Montaigne, se non per lui, per monito verso altri uguali a lui. ma chi glielo fa fare di condannare ? a morte poi ? troppa responsabilità !
questo buonismo è indice della dissolutezza morale, del volere le cose facili, del decadimento dei costumi.
saluti,
marco

Anonimo ha detto...

Che gente sarà mai questa? Rifiuti.
Come quei due degenerati che hanno ucciso quella professoressa in Piemonte, che ora si scaricano le colpe a vicenda, e già si ventila per uno dei due (il più giovane) la perizia psichiatrica.
O Maso, il veronese che uccise anni fa i genitori a sprangate con dei complici, che ora si rammarica di non aver a suo tempo "finito" il lavoro ammazzando anche le sorelle.
Costui è almeno stato giudicato capace di intendere.
La scappatoia del non intendere è uno dei buchi neri della giustizia, in realtà pochissimi sono i soggetti che effettivamente lo sono.
Mettiamoci anche Izzo, uno dei tre mostri del famigerato delitto del Circeo,che negli ani 70 costò la vita a una ragazza, e l'altra riuscì a scampare solo fingendosi morta.
Izzo fu poi, qualche anno fa, rimesso in libertà limitata inserendolo in un programma di recupero con una cooperativa...cazzo, era così guarito che non appena ebbe lo stimolo, uccise due donne (madre e figlia).
Non cambiano. Sono degenerati, non pazzi ma "solo" CATTIVI E SADICI.

Cecilia

Alessio ha detto...

Professore, questi degenerati sono i peggiori di cui abbia mai sentito in vita mia, quando ho appreso la notizia ho avvertito dentro di me un senso di orrore fortissimo: tra l'altro uno dei due degenerati era anche gay, e ciò avvalora la tesi secondo cui un disturbo della sessualità produce anche altri disturbi, questi gay sono potenzialmente antisociali e deviati dentro.Essi stessi hanno ammesso che già prima avevano sentito il desiderio di far del male a qualcuno, quindi erano corrotti dentro. Non ci si può più fidare di nessuno in questo mondo di merda, quel ragazzo non aveva nessun motivo per sospettare di quegli individui (non persone), e questa situazione nasce proprio dal buonismo della giustizia, incapace di punire davvero chi lo merita.

Anonimo ha detto...

Caro professore,
secondo lei nella Russia di Putin questi soggetti che vanno in giro ad ammazzare per divertimento che fine farebbero?
Io una mezza idea ce l'avrei...

Anonimo ha detto...

Buongiorno professore, scusi il fuori tema ma desideravo segnalarle questa notizia:

http://www.repubblica.it/cronaca/2016/03/09/news/sardegna_parroco_vende_rolex_per_comprare_agnelli_pasquali_ai_poveri-135096024/

magari ci scappa un suo commento...

Saluti Paolo

Anonimo ha detto...

professore,
il delitto di cui parla è significativo. ti fa capire chi sono i giovani d'oggi. non credo si tratti di un caso isolato. quanti giovani oggi vivono una vita senza senso ? sbandati, drogati, il cui unico scopo è il piacere e il piacere è la morte, propria o altrui ?
di questo passo dovremo rivalutare lo stile di vita degli immigrati, come dice la boldrini...
saluti,
marco

Eva De Molay ha detto...

Favorevolissima alla pena di morte. Certe persone non si redimono perché sono deviate, ma non provo pena per loro in quanto consapevoli della loro malvagità. Attaccarsi all'uso di droghe significa scaricare la responsabilità della propria vita e del proprio comportamento su altri fattori. Non ci sono scuse per certi atti, e spesso come abbiamo visto la prigione non li cambia. Quando ne escono non hanno imparato la lezione, e il motivo è che la detenzione non è una vera lezione. Molti in prigione ci stanno anche bene, mangiano dormono e aspettano. Perché devo passare la mia vita a lavorare per mantenere a sbafo questi elementi schifosi? Ci sono persone bisognose e invalide che sono abbandonate dallo stato il quale però garantisce un tetto e un pasto a gente che ha ammazzato e stuprato. Levare il marcio dalla faccia della terra è un favore all'umanità, e un monito per tutti.

SergiodiSennwald ha detto...

Sono un po' sorpreso dalla perentorietà dei giudizi, compreso quello del prof. Melis. Io sono stato sempre contrario alla pena di morte, ma riconosco che in alcuni casi può essere giustificata, come del resto tutta la tradizione greco-giudeo-cristiana l'ha giustificata, compresa la Chiesa cattolica che adesso si fa mosca cocchiera per l'abolizione (quant'è buono papa Francesco!). Lo stesso Beccaria riconosce che in certi casi è necessaria.
Ci sono crimini così odiosi, come quello in questione, che meritano la pena di morte, come argomenta bene Kant. Oggi va di moda la "redenzione" del reprobo, si dice che la società non deve "vendicarsi", ma mirare al recupero del delinquente. In realtà, come dice Eva, in prigione molti ci stanno benissimo (forse meno in Italia, ma sicuramente nelle prigioni-albergo a cinque stelle olandesi, svedesi, finlandesi ecc.). Alcuni studiano e addirittura si laureano in prigione (lo Stato li premia pure per i loro delitti).
C'è però un ma, secondo me. Noi tutti che scriviamo qui, che probabilmente non faremmo male a una mosca, siamo brave o normali persone non per nostro merito (predisposizioni, ambiente, educazione, fortuna ecc. hanno fatto di noi dei soggetti inclini al rispetto dell'ordine, ai buoni sentimenti). Noi non abbiamo bisogno di rubare e ammazzare o drogarci. Siamo perfettamente allineati, ben educati. Purtroppo però ci sono anche soggetti refrattari all'educazione, alle regole imposte dalla callettività. Poi bisogna anche chiedersi da dove vengano certi comportamenti, l'inaudito sadismo di taluni (chissà cosa succede attualmente in Siria, la guerra sembra giustificare tutto). Gesù, che ogni tanto ci azzeccava (non sempre!), ha detto: "Non giudicate se non volete essere giudicati." Anche questa affermazione è ambigua perché nega il diritto, dovremmo rinunciare alla legge, ai tribunali. Però Gesù con quella affermazione invita alla prudenza. Non conosciamo tutte le cause di certi comportamenti.
Nononstante il buonismo dilagante (e dolciastro, perverso) la questione della pena di morte resta aperta. Ci sono buoni argomenti a favore. Vorrei infine aggiungere che chi è a favore deve essere anche disposto ad eseguire la condanna capitale, non delegando la bisogna a terzi: sarebbe un dovere civico per tutti, come il servizio militare o la partecipazione alla giuria popolare dei tribunali.

Eva De Molay ha detto...

@SergiodiSennwald: Io sono cristiana ma sono perfettamente in grado di capire quando si può perdonare, date talune circostanze, e quando no. Mi viene in mente il caso del piccolo Tommaso Onofri, ucciso a badilate perché durante il sequestro a scopo di estorsione, qualcosa andò storto. Ecco Signor Sennwald, io non sono madre, ma gli occhi di quella madre distrutta li ho veduti... Non ci sono scuse per questo delitto, nessuna attenuante. L'indifferenza per la vita di un piccino bello come il sole merita la morte. Ed io sono coerente con ciò che sostengo, a differenza di molti: chiamate me, e il coraggio di mandare a morte per mia mano quell'assassino Raimondi e la sua compagna, la Conserva, due esseri immondi.... Io il coraggio ce l'ho. Non ho paura di ammazzarli. E stia sicuro che non me ne pentirò mai.

SergiodiSennwald ha detto...

@ Eva de Molay

Sennwald è il paese in cui abito ... Credo che a caldo quasi tutti siano capaci di reazioni omicide. Se sono aggredito mi difenderò, anche la morale cattolica riconosce il diritto alla legittima difesa, anche se questa può significare la morte dell'aggressore (a dir la verità in Italia bisogna fare attenzione perché si può essere condannati per "eccesso di legittima difesa").
Poi in guerra si uccide senza farsi il minimo scrupolo. Quindi ci sono circostanze in cui anche una persona pacifica e piena di buoni sentimenti può, si vede costretta ad uccidere. Ma si tratta di situazioni eccezionali (aggressione, guerra). È chiaro che gli assassini del povero bambino fanno orrore e schifo a tutti e "meriterebbero" la pena capitale. Ho messo meriterebbero tra virgolette perché non conosciamo la vita di questi assassini. Chissà cosa hanno subito anche loro per essere diventati dei mostri.
Il mio non è buonismo, non voglio dimostrare comprensione. Però è un fatto che tanti strani, orribili, incomprensibili comportamente hanno delle cause, persino delle cause precise e identificabili in alcuni casi. Per questo il detto di Gesù ha avuto tanta fortuna: non giudicate se non volete essere giudicati. Non conosciamo mai tutta la verità. È vero che questo detto è contraddittorio, non praticabile: dovremmo perdonare tutto e tutti e chiudere tutti i tribunali, nessuno potrebbe ergersi a giudice. Però quel detto invita - secondo me - alla prudenza perché non conosciamo mai tutta la verità e - tout se tient, dicono i francesi. Cioè c'è una concatenazione di tutti i fenomeni dell'universo, cause ed effetti.
Ripeto: a caldo ci si vendica subito senza rimorsi di un grande torto. Io per es. ho sempre desiderato d'impiccare Condoleeza Rice, la vera anima nera del governo Bush, che l'ha spinto ad invadere l'Iraq, con tutto ciò che è seguito (comprese la Libia e la Siria oggi). Una grandissima troia questa donna, degna appunto di essere impiccata come Saddam Hussein. Ma poi non so se, a freddo, avrei davvero il coraggio di infilarle il cappio al collo e di aprire la botola ... Sono incoerente? Forse.
Visto che sei cristiana dovresti però capirmi (e chiederti come mai Gesù si espresse così). Il prof. Melis anche lui si dice dispostissimo ad eseguire sentenze capitali di schifosi assassini. Mah, non so, sì e no.