domenica 15 novembre 2015

ORA BASTA! NON NE POSSO PIU' DI SIMILI IMPOSTORI ISLAMICI: IZZEDIN ELZIR (INFO@UCOII.ORG) E REAS SIED (INFO@CAI-MILANO.IT)

A info@ucoii.org) e a info@cai-milano.it
UCOII significa Unione delle Comunità Islamiche Italiane e CAIM Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano e Lombardia. 
A questi due impostori bisogna sbattere la verità in faccia perché una buona volta la smettano di prendere per il culo gli ignoranti dicendo che l'Islam èuna religione di pace. Il pakistano Reas Sied (che fa parte della direzione del CAIM e che dice di essere avvocato) ha ripetuto la solita frase menzognera del Corano "chi uccide un uomo uccide l'umanità intera", come al solito evitando l'inciso che aggiunge dopo "uomo": "che non abbia corrotto la terra". Ma che la citino interamente: "Chi uccide un uomo che non abbia corrotto la terra uccide l'umanità intera". E chi corompe la terra? Tutti quelli che non credono in Allah e nel suo messaggero Maometto. E che cosa deve essere riservato a tutti costoro? "Essi dovranno essere amputati delle mani e dei piedi e crocifissi perché incomincino a conoscere sulla terra le sofferenze che dovranno patire dopo la morte". Se ne trae la conseguenza che i migliori rappresentanti dell'ISLAM sono quei pazzi dell'ISIS. Gli impostori che dicono che l'Islam è una religione di pace sono peggiori dell'ISIS, perché almeno questi pazzi dicono la verità sul Corano, di cui sono fedeli interpreti. Dunque l'Islam si divide in due: tra impostori e pazzi. Non vi è via di mezzo. Durante la trasmissione Rai1 di oggi (condotta da Massimo Giletti) a Sallusti, che all'impostore Reas Sied aveva letto alcune frasi del Corano che incitavano alla violenza (ma non quella ancora più terribile da me sopra citata) l'impostore replicò subito che Sallusti non era autorizzato ad interpretare il Corano.  INCREDIBILE. Io mi domando che cosa vi sia da interpretare in quel libro di merda dettato da un pazzo analfabeta ad uno scriba che si portava dietro per dettargli le sue farneticazioni o imposture.  Bisogna far conoscere nelle scuole un sommario o florilegio del Corano che comprenda tutte le frasi che istigano alla violenza sino a giustificare l'omicidio di massa per i non credenti o infedeli. Bisogna che gli impostori del falso Islam moderato vengano messi finalmente con le spalle al muro e disarmati per sempre delle loro imposture o menzogne. Così si deve incominciare a combattere l'Islam, perché per vincere il nemico bisogna prima conoscerlo. Altrimenti il nemico continuerà ad approfittare dell'ignoranza altrui per fare propaganda nascondendosi nelle moschee, che debbono essere considerate fuori legge.
A IZZEDIN ELZIR (info@ucoii.org) ho scritto:
bisogna essere malati nel cervello per credere nelle stronzate del Corano.
MAOMETTO LA PIU' GRANDE DISGRAZIA DELLA STORIA. ERA UN PAZZO ALLUCINATO.
A portaaporta il grande impostore Izzedin Elzir ha detto le solite falsità approfittando degli imbecilli che non gli schiaffano in faccia tutte le terribili frasi di quel libro di merda che incita alla violenza sino all'omicidio di massa. Potete prendere per il culo solo gli ignoranti dicendo che l'islam è una religione di pace. I veri islamici sono quelli dell'ISIS.
MALEDETTO IMPOSTORE che cita la solita frase senza l'inciso. La frase intera dice: chi uccide un uomo che non abbia corrotto la terra uccide l'umanità intera. Nella stessa pagina (Sura V) si dice che coloro che corrompono la terra debbono essere amputati delle mani e dei piedi e crocifissi perché abbiano già sofferenza su questa terra. E gli "infedeli" corrompono la terra.
E poiché il Corano ha la pretesa di essere un libro eterno dettato direttamente da Allah tramite l'arcangelo Gabriele (roba che fa pisciare dal ridere) nessuna frase può essere tolta o modificata. Perciò potete prendere per il culo solo gli ignoranti. E mi meraviglio che il presente Vittorio Feltri, che anni fa commentò il Corano pubblicandolo a fascicoli, non le abbia buttato in faccia tutte le frasi pazze di quel libro di merda che incita alla violenza  contro gli "infedeli".  
   

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Maledetti tutti i musulmani di merda terroristi e maledetti quei delinquenti del PD che li candidano anche in parlamento!!!

natascia prinzivalli ha detto...

Non se ne può più di questa ipocrisia dilagante, di minuti di silenzio beffardo e di lacrime a comando.I familiari delle vittime dovrebbero chiedere un risarcimento ad uno stato che non ha saputo e non sa proteggere i propri cittadini.CIttadini che vivono, che lavorano, che producono ricchezza e che pagano le tasse.Per chi, per cosa? Per essere ammazzati così. Basta con tutta l'immondizia televisiva, con il buonismo per nonnine e casalinghe di voghera.Quello che più mi disgusta è il totale scollamento dai fatti, centinaia di vite sono state spezzate e i politici e i giornalisti continuano a fare chiacchiere da salotto. Ho sentito cose allucinanti:i terroristi non possono essere chiamati bastardi perché così si aumenta la spirale di violenza. È vergognoso quanto l atto terroristico in se. Mi chiedo come dovremmo apostrofo chi uccide una vita a noi cara.

Pietro Melis ha detto...

Cara Natascia, quei morti al Bataclan non mi commuovono tutti se penso che quasi tutti hanno votato per la sinistra al governo del deficiente Hollande e non per Marie Le Pen. Certamente quei giovani che sono andati ad ascoltare musicaccia di un complesso rock americano sono tutti della sinistra multiculrurale e multirazziale. La Francia accogliente con sei milioni di musulmani si merita ciò che ha seminato contro se stessa.Ho sempre scritto già dal 2004 che il Corano è un testo che istiga alla violenza e perciò quelli che lo predicano dovrebbero essere considerati dei fuori legge.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo anche io sul fatto che non se ne può più sull'ipocrisia dilagante che regna in televisione, con facce contrite ( a forza), con la Marseillaise propinata in ogni dove ( ma mi chiedo: se fosse accaduto in Italia non so se all'estero avrebbero suonato l'inno di Mameli per omaggiarci).
Tuttavia, dire che i francesi in toto se lo meritano per aver votato Hollande, è una inesattezza: fra i morti e feriti ci sarà anche chi non lo ha votato e chi non vuole integrarsi!
Se domani succedesse in Italia , e ci rimettessimo le penne io o Lei, o la signora Prinzivalli, ce lo saremmo meritato egualmente, pur non avendo votato per il nostro governo?

Cecilia

Pietro Melis ha detto...

Giusto sull'inno di Mameli che all'estero non avrebbero suonato. Ma è ben difficile che la ciurmaglia che va ad ascoltare musicaccia rock non sia di sinistra. Non hanno sparato in una sala da concerto ma in un subteatro per gente subculturale.

Frédéric Mengozzi ha detto...

Signor Melis, lei è di un'ignoranza spaventosa. Abbi rispetto per la gente morta. Ho già segnalato il suo blog alle autorità.

Pietro Melis ha detto...

E io la segnalo per la sua stronzaggine. O senza cervello! Se lei crepasse e ne godessi forse commetterei un reato? Non caghi più qui dentro. Sarà ignorato.

natascia prinzivalli ha detto...

Hanno evocato la bestia e non riescono a controllarla.

natascia prinzivalli ha detto...

Concordo con la Signora Cecilia. La nostra connazionale ne è una prova.

Anonimo ha detto...

Quello che più mi sconvolge è vedere che proprio i "je suis Charlie", quelli per la libertà di pensiero e parola, quelli che difendevano il diritto di prendere per il culo il dio altrui in quanto libertà di espressione ... sono i primi a voler far tacere chi non la pensa da buonisti come loro.

Federica

Pietro Pietri ha detto...

A proposito di ignoranza: non sarebbe meglio dire "abbia" e non "abbi"? ,������

Pietro Melis ha detto...

E dove avrei scritto abbi?